Se C e OG non attraggono l’interesse dei GM NFL, per lo meno nei primissimi turni, lo stesso non si può dire degli OT. Lo scorso anno furono ben 21 gli OT scelti e 4 furono quelli chiamati al primo giro. Quest’anno il numero potrebbe essere anche maggiore data la quantità di talento che la posizione offre, almeno per quanto riguarda i primi 10-12 nomi selezionabili. Come sempre, la speranza di ogni squadra NFL è quella di trovare quel fenomeno che possieda determinate caratteristiche da rivestire il ruolo di LT, ovvero di colui che protegge il lato cieco del QB e molto spesso i destini della squadra stessa.

Russell Okung (video)(Oklahoma State, 6-5, 307) per molti è il miglior prospetto del draft 2010, a prescindere dalla posizione. E’ atletico, ha l’altezza e le braccia lunghe che si richiedono ad un OT. Eccelle soprattutto nella protezione su passaggio dove mette in mostra una mobilità e una rapidità allo snap veramente fuori dal comune. E’ sopra la media come bloccatore sulle corse, ma è qui che deve maggiormente lavorare sulla tecnica ed essere più consistente. Gioca con aggressività ed è facilmente allenabile. Ha avuto una produttiva carriera a Oklahoma State, fosse uscito l’anno prima da scuola sarebbe stato comunque una scelta altrettanto alta. Malgrado le sue superiori qualità come pass protector, non necessariamente il prototipo di LT che è tanto ambito in NFL. Comunque il suo futuro sarà a sinistra o a destra della linea, si prevede per lui una eccellente e duratura carriera nella lega.

Bryan Bulaga (video)(Iowa, 6-6, 314, Junior) possiede ottima taglia, grandi doti atletiche ed è una dei miglior OL dal punto di vista tecnico. La sua mobilità è straordinaria e ha dimostrato la determinazione e l’abilità di gestire anche i migliori pass rushers. E’ più tecnico che potente, deve migliorare questo aspetto rafforzando la parte bassa del corpo per mantenere più consistentemente il punto d’attacco. Ha perso 3 partite lo scorso anno per una infezione virale alla tiroide, una malattia che non sembra aver lasciato strascichi per il proseguo della carriera. Ha tutte le qualità per avere una lunga carriera a OT, ma se non dovrebbe riuscire in quel ruolo, potrebbe essere spostato a OG, posizione che ha ricoperto nel suo anno da freshman ad Iowa.

Trent Williams (video)(Oklahoma, 6-5, 315) ha l’ideale struttura fisica e straordinarie doti di mobilità e rapidità, come ha dimostrato con un ottimo 4.88 sulle 40 yds alla Combine. E’ efficace come bloccatore sui passaggi e può essere devastante nell’aprire i buchi per i RB. Non sempre tiene il corretto bilanciamento sul punto d’attacco e non sempre gioca concentrato o con la necessaria determinazione. L’ultimo anno è passato LT dopo aver giocato tutta la carriera a destra; Ha faticato a volte, ma ha offerto anche indicazioni tali da consentirgli di proteggere efficacemente il lato cieco del QB con un po’ di esperienza.

Anthony Davis (video)(Rutgers, 6-5, 323, Junior) ha una imponente corporatura con grande forza fisica e incredibile agilità per un giocatore della sua taglia. Ha grande ampiezza di braccia e grandi mani, può gestire ogni tipo di avversario. La sua mobilità è stata utilizzata anche a OG da freshman. La sua carriera a Rutgers è da considerarsi inconsistente rispetto a quanto il suo talento faccia supporre, è stato sospeso nel 2008 per una partita in violazione di alcune regole interne alla squadra. Si è dimostrato spesso immaturo, non sempre gioca e si allena con impegno, inoltre ha problemi a mantenere il suo peso. Se riesce a concentrarsi a tempo pieno sul football, ha la possibilità di diventare uno dei migliori nel ruolo.

Bruce Campbell (video)(Maryland, 6-7, 314, Junior) è stato probabilmente uno dei vincitori, se non il vincitore assoluto, dell’ultima combine. Il suo 4.84 sulle 40 yds, i 32 inch di salto in verticale e le 34 ripetizioni al bilanciere hanno fatto strabuzzare gli occhi a diversi scouts. Per quanto sembri attualmente più un atleta che un giocatore di football, Campbell possiede grandi qualità soprattutto come protettore sui passaggi e sa sostenere i blocchi e controllare i difensori. Molto grezzo tecnicamente anche perché non è mai riuscito a completare una stagione intera a causa di diversi infortuni. Non sempre gioca con la mobilità e la forza che mostra nei workout. Fra tutti quanti i prospetti OL è quello col maggior potenziale per essere una stella da hall of fame quanto un bidone che sarà fuori dalla lega in pochi anni.

Vladimir Ducasse(Massachussets, 6-5, 332) è originario da Haiti, da adolescente è stato mandato dal padre negli USA perché potesse avere quelle opportunità impensabili nella desolata isola caraibica. Ducasse non aveva mai indossato casco e paraspalle prima di aver compiuto 14 anni ma ha subito dimostrato doti atletiche e agilità accompagnate ad un fisico imponente e lunghe braccia. Gioca con attenzione e forza sia le situazioni di passaggio che quelle di corsa, deve migliorare il suo footwork e mostrare miglior uso delle mani. Ha giocato titolare per 3 anni a OT ma qualcuno lo vedrebbe più adatto a giocare internamente dove ha già avuto qualche esperienza quando era freshman.

Uno dei più sconosciuti, e allo stesso tempo intriganti, prospetti del draft è Jared Veldheer(Hillsdale, 6-8, 312). Proveniente da un piccolo college di seconda divisione, Veldheer si fa notare soprattutto per l’altezza(ben oltre i 2 metri) e possiede un corpo ben costruito con sorprendente agilità. Ha dominato al college, eccellendo soprattutto nella protezione dei passaggi. E’ Se riuscirà ottenere lo stesso successo contro più validi competitori è ancora tutto da verificare, ma per fare questo dovrà migliorare la sua tecnica, usare meglio la sua forza e giocare con maggiore aggressività. Fondamentalmente un giocatore stanziale, dovrà lavorare molto per essere efficace anche in movimento, ma ha illimitato potenziale ed è un giocatore su cui investire per quelle squadre che possono permettersi molta pazienza.

Un altro OL che richiederà tanta pazienza è Charles Brown (video)(USC, 6-6, 303) che è grezzo tecnicamente e non ha impressionato alla combine, ma ha buona taglia e altezza, è agile e rapido e ha tanto margine di miglioramento. E’ stato produttivo e consistente a Southern California ma deve giocare con maggiore aggressività e aumentare la sua forza per poter gestire anche i difensori più fisici. Il suo habitat ideale sarà in una linea che gioca lo schema di bloccaggio a zona.

Selvish Capers(West Virginia, 6-5, 308) è un atletico OL che ha iniziato la sua carriera a TE prima di essere impiegato come OT. Ha la mobilità per essere efficace nei bloccaggi in campo aperto e per assumere rapidamente la posizione. Non gioca con la necessaria potenza e non sempre tiene efficacemente il punto d’attacco. Ha sempre giocato a destra della linea, ma ha protetto il lato cieco del mancino Pat White. E’ ancora da rifinire tecnicamente ma ci sono le condizioni per una sostanziale crescita.

Rodger Saffold(Indiana, 6-5, 316) è un OL con 4 anni di esperienza a LT per gli Hoosiers ma potrebbe essere impiegato come OG nei Pro. Ha eccellente atletismo e mobilità, si muove con rapidità e agilità lateralmente e eccelle nelle situazioni di passaggio. E’ stato il miglior giocatore durante l’East-West Shrine Game. Non è molto forte o potente, soprattutto come bloccatore sulle corse, e deve giocare con maggiore aggressività e cattiveria. Ha avuto qualche problema di infortunio da Junior.

Jason Fox(Miami, 6-7, 305) è un altro ex TE che sa muoversi con agilità e rapidità. Possiede buona tecnica ma non è particolarmente fisico, deve aggiungere forza e massa muscolare soprattutto nella parte inferiore del corpo. Sta ancora imparando tutti i fondamentali del ruolo ma possiede ampi margini di crescita.

Kyle Calloway(Iowa, 6-7, 323) ha una taglia enorme ed è estremamente efficace negli spazi stretti. Gioca con buona tecnica e attenzione, malgrado sia estremamente lento e fatica nei movimenti laterali, è sufficiente rapido nel settarsi per la protezione dei passaggi. Ha esperienza come OG e LT, ma nei Pro la sua posizione sarà unicamente quella di RT.

Adam Ulatoski(Texas, 6-6. 300) possiede altezza eccellente e grande determinazione ma è limitato atleticamente. Ha protetto il lato cieco di Colt McCoy a Texas ma la posizione di LT sembra fuori portata per lui fra i professionisti data la sua mancanza di agilità e mobilità. Efficace negli spazi stretti, utilizza sempre la giusta tecnica e gioca con il massimo impegno, ma non è un potente run blocker e soffre i più veloci pass rusher. Qualche squadra potrebbe provarlo a OG dove comunque non ha alcuna esperienza.

Tony Washington(Abilene Christian, 6-6, 311) è atleticamente e fisicamente dotato e ha notevoli margini di miglioramento. Si muove bene in ogni parte del campo e gioca con agilità e aggressività. Tende a giocare un po’ troppo alto e la sua tecnica generale ha parecchie lacune ma ha soprattutto avuto parecchi problemi comportamentali i quali saranno attentamente monitorati nella NFL. Non ha grande esperienza, avendo giocato a un più basso livello – anche 2 anni in un Junior College nel suo passato – ma ha anche tanto potenziale che sarà tenuto senz’altro in considerazione.

Sam Young(Notre Dame, 6-8, 316) è alto e massiccio, il prototipo di OT che piace alla NFL, ma non ha mai mantenuto le promesse di quando è stato reclutato da Notre Dame 4 anni fa. E’ molto competitivo ma non ha mostrato la forza sufficiente per dominare costantemente gli avversari e la mobilità per proteggere efficacemente contro i pass rushers. Possiede comunque le misure tali da meritare qualche interesse.

Ciron Black(LSU, 6-5, 327) è un altro giocatore che non mantenuto quanto si pensava potesse promettere. Ha sempre giocato LT al college ma potrebbe essere più efficace come RT o addirittura OG nella NFL, ma deve dimostrare più agilità, più forza e miglior footwork di quanto non abbia dimostrato finora. E’ comunque un atleta sopra la media ed è solido sul punto d’attacco, deve riuscire a mantenere il suo peso entro i limiti, cosa che non sempre ha saputo fare con impegno.

Ed Wang(Virginia Tech, 6-5, 314) ha straordinarie doti atletiche e eccellente taglia. Si muove rapidamente ma è ancora grezzo tecnicamente avendo iniziato la sua carriera come TE, e commette ancora troppe penalità. Deve dimostrare più potenza e intensità per competere al prossimo livello. I suoi genitori sono stati entrambi nella squadra olimpica cinese negli anni ’70.

Chris Scott(Tennessee, 6-5, 319) manca dell’atletismo che si desidera per giocare il ruolo ma supplisce con forza e determinazione. Da il meglio negli spazi stretti ed è solido nella protezione sulle corse, non ha i piedi per essere costantemente efficace nella protezione laterale. Ha giocato a LT al college ma tale posizione non sembra essere la sua nei professionisti. Potrebbe trovare casa a RT o addirittura OG.

Ramon Harenwood(Morehouse, 6-6, 341) è un altro prospetto interessante proveniente da un piccolo college. Nativo delle Barbados, la sua esperienza con il football è limitata alla sua permanenza a Morehouse. E’ estremamente massiccio e praticamente ha trattato come fantocci i suoi avversari in seconda divisione. Fatica a muoversi in campo aperto e la sua tecnica è tutta ancora da definire ma sarà sicuramente preso in considerazione da squadre che possono lavorare su di lui con pazienza.

Kyle Jolly(North Carolina, 6-6, 311) è un solido bloccatore negli spazi stretti che è limitato atleticamente ma che ha una buona struttura fisica e tecnica. Gioca con intensità e passione ma non ha la forza per dominare consistentemente gli avversari. Potrebbe passare al ruolo di OG.

Dennis Landolt(Penn State, 6-5, 306) non è molto atletico e ha marginale velocità. Ha giocato LT lo scorso anno, ma dovrebbe avere migliore collocazione a RT o addirittura OG fra i Pro. Solido negli spazi ristretti, è disciplinato e gioca sempre con grande impegno.

Thomas Welch(Vanderbilt, 6-7, 307) ha eccellente taglia e sorprendente rapidità con lo spazio per aggiungere peso e potenza muscolare. Deve sostenere meglio i blocchi soprattutto in movimento.

Anche Cole Pemberton(Colorado State, 6-7, 315) ha spazio per crescere con un buon lavoro in palestra. L’altezza e intrigante e giocherà sempre con grande determinazione ma deve migliorare qualche tecnica di base e ha una lunga storia di infortuni. Più adatto a coprire il lato destro della linea.

Nic Richmond(TCU, 6-8, 310) ha una gran bella taglia e ampio margine di miglioramento non avendo giocato molto spesso da titolare a TCU. Deve sviluppare migliori movimenti ed essere più consistente ma ha tutto per diventare un buon RT nella NFL.

Un altro giocatore con l’altezza e lo spazio per crescere la propria massa è Casey Knips(South Dakota State, 6-8, 306). Ha sorprendente velocità per la sua taglia. Deve migliorare ogni aspetto del suo gioco ma potrebbe risultare un buon prospetto se seguito attentamente.

Matt Kopa(Stanford, 6-6, 297) ha iniziato a giocare a OT solo nel 2007 dopo aver giocato 2 anni a DT. Ha una lunga storia di infortuni, ha chiesto un sesto anno di eleggibilità che la NCAA ha recentemente negato. Dimostra buone qualità in copertura sui passaggi ma è ancora molto grezzo tecnicamente.

Will Barker(Virginia, 6-7, 317) ha buona taglia ma è un limitato atleta che potrebbe diventare un utile backup se migliora forza e tecnica.

Drew Davis(Alabama, 6-7, 315) è un solido prospetto che offre una interessante taglia e che è efficace negli spazi ristretti ma che deve lavorare sulla forza e la meccanica dei suoi movimenti.

Chris Campbell(Eastern Illinois, 6-5, 328) è venuto fuori dopo una impressiva partita al Texas vs. the nation All-Stars game. Attualmente appare più un atleta che un giocatore di football essendo sprovvisto dei più importanti fondamentali nella tecnica di bloccaggio, ma le sue doti fisiche sono difficili da ignorare.

Chris Marinelli(Stanford, 6-7, 301) è stato un produttivo giocatore al college con buona taglia e qualche potenziale. Non gioca con la necessaria forza e potrebbe essere dirottato all’interno dove potrebbe meglio evidenziare le sue qualità.

Paul Duncan(Notre Dame, 6-7, 308) è un istintivo bloccatore che si muove con rapidità ma che deve elevare il suo gioco in termini di forza e aggressività.

Andrew Tyshovnytsky(Fordham, 6-4, 317) proviene da una piccola scuola e solo recentemente ha potuto dimostrare le sue straordinarie qualità atletiche che gli consentiranno, anche se esperienza e tecnica sono estremamente limitate, di meritare una chance al livello successivo.

Otis Hudson(Eastern Illinois, 6-5, 312) ha iniziato la sua carriera a Minnesota come DT. Trasferito a EIU, ha messo in mostra capacità atletiche e buona mobilità come RT. E’ meritevole di attenzione negli ultimi turni del draft.

Levi Horn(Montana, 6-7, 327) deve migliorare i suoi fondamentali e l’intensità del suo gioco ma offre la versatilità di poter giocare sia OT che OG.

Nick Stringer(Kansas State, 6-6, 295) è alto, gioca con impegno e intensità, ma è leggero per la posizione, avrà bisogno di aggiungere qualche chilo per sopravvivere nella NFL.


Questo articolo è stato pubblicato da rocklobster il 21 aprile 2010

One thought on “Draft Prospects 2010: Offensive Tackle

  1. Dei 35 uomini di linea selezionati, mi pare di non aver recensito solo J’Marcus Webb, chiamato alla 218 dai Bears

    Reply
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Leave a reply

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>