NFL Week #3: Dobermann is back!!!

James Harrison rifirma con gli Steelers, Dobermann is back!!!

Jarvis “Fear” Jones è stato inserito nella injured reserve-recall list, che consentirebbe al giocatore di ritornare in campo ad allenarsi non prima delle 6 week e 8 per giocare sul serio. La squadra poteva inserire un solo palyer in questa speciale lista, che permetteva alla franchigia di procedere alla integrazione in roster di un sostituto (il #92 appunto).Torno a dire che Moats lo vedo comunque favorito per la posizione a ROLB in partenza col Dobermann in rotazione sopratutto in play contro le corse.
Credo che non ci abbiano pensato molto chi inserire in injured reserve-recall list, visto che a CB siamo più profondi ed è stato più semplice sostituire lo sfortunatissimo Ike “Napalm” Taylor (out almeno 2 mesi) con Gay, che farà il CB2 in tandem con Allen a CB1, e Blake a nickelback.

Ryan “Viper” Shazier pare aver riportato una distorsione al ginocchio che al massimo lo terrà fuori 3 domeniche. Questa è l’unica buona notizia, perchè da come si è sviluppata la meccanica dell’azione che ha portato Timmons in caduta sulla gamba di “Viper #50” avevo pensato a qualche rottura dei legamenti. Fortunatamente la risonanza magnetica di questa notte ha dato esito negativo. Comunque al suo posto abbiamo uno Spence in grande spolvero…è un piacere vedere sto ragazzo giocare…sarebbe starter in almeno l’80% della franchigie NFL (non per nulla lo abbiamo chiamato al 3° round ’12)

Venendo un secondo alla gara coi Panthers.

Carolina è una buonissima squadra, che fino a ieri stava 2-0, con un trio offensivo come Newton-Benjamin-Olsen di tutto rispetto, e con una difesa che presentava in campo il Difensore dell’anno ’13 (Kuechly) e due D-man che al momento stanno tra i primi 10 in lista per sack messi a segno (Dwan Edwards 2.5 sack ; Mario Addison 3.5 sack). Il tutto condito dal fatto che giocavamo a Charlotte, non mi pare robetta da nulla.

Vengo ai TOP PLAYER osservati:

1) David “The Buzz” DeCastro: insieme a Pouncey e Gilbert da vita alla migliore prestazione della OL che la mia memoria ricordi. Merito sopratutto di Munchak che comincia a buttarli tutti nello spazio con calcolata e matematica lucidità. Ne traggono giovamento Big Ben, ma sopratutto quei due pazzi da batteria da corsa.

A+ ( a tutta la OL)

2) “Bullfrog” Bell e “Disorder” Blount: spaccano tutto, infilato hole costruiti ad arte dai 5 manzi da combattimento lì davanti a loro. Paziente e saltellante Bell (non per niente il suo nick è “Rana Toro”…chi lo aveva visto giocare con gli Spartans non deve stupirsi di queste qualità del nostro ragazzo), prende down importanti e fa diventare il Kuechly l’ultimo arrivato. Blount dal canto suo è chiamato a trapanare quando c’è da consumare secondi sul cronometro, ma a lui non basta: schiaccia tutto ciò che ha davanti con forza da trattore. Alla fine della fiera mettono la bellezza (mai vista dagli anni ’40) di 265 yards combinate.

A+

3) “Big Ben” Roethlisberger e Antonio “The Fly” Brown: coppia collaudatissima ormai. Haley chiama tutto per bene, non da tempo alla difesa di avvicinarsi al nostro immenso QB. Ben dal canto suo trova sempre peò lo spazio per ritagliarsi, insieme al suo target preferito, giocate antologiche. Quel doppio pump fake dopo il quale arriva l’ovale dritto tra le mani del funambolico #84 resterà nella memoria di noi B&G per lungo tempo.

A

4) Cam “Ironhand” Heyward : ormai è palese che parliamo del giocatore più forte della nostra giovane difesa. Con Timmons è il simbolo di questa futura rinascita. Intelligente, forte, atletico, tecnico…che dire: MOSTRO! Insieme a Keisel e McLendon mette a ferro e a fuoco la tasca di Newton che viene colpito a più riprese, prima e dopo il rilascio dell’ovale. Il C di Carolina, Kalil – uno dei migliori della nazione – è preso a bastonate per tutta la gara.

A

5) Jarvis “Fear “Jones: si vede (o meglio, vedeva…) che ha un altro piglio rispetto a scorso anno. Ha preso massa muscolare ma sopratutto – agli ordini di Porter – ha aumentato il suo bagaglio di movimenti in rush. Suo il fumble forzato con sack (ricoperto da Worilds) che da alla squadra il vento giusto per stravincere la partita. Il suo infortunio è devastante, perchè era partito davvero bene con 2 sack, 1 fumble e 14 tkl. Speriamo di rivederlo così come l’abbiamo lasciato ieri l’altro verso Dicembre.

B+

6) “Il Varano” Shamarko Thomas e Brad “Butterfly Effect” Wing : rispettivamente SS/Gunner e Punter, mettono in piedi l’azione che scassa la partita. Punt antologico, per quanto è profondo e alto, e tackle spaventoso. Risultato: TD dello Special team difensico (che non si vedeva dal 400 a.C. dalle nostre parti).

A+

7) Shaun “Exact” Suisham: che dire del nostro kicker? basta dire che ieri ha battuto il record di franchigia per FG consecutivi messi a segno o devo aggiungere altro?

A+

Non mi dimentico certo di Miller o di Cody Wallace, che a LG al posto dell’infortunato Foster ha messo in piedi una partita sontuosa. Non mi dimentico dei nostri Moats e Spence, che entrando hanno fatto subito il bello e il brutto tempo, ma quelli sopra ricordati sono stati davvero una spanna sopra a tutti agli ordini impeccabile di Tomlin, Haley, Lebeau e Munchak.

Great Work Guys!!!