NCAA Week #6: un po’ di preview

FUOCHI D’ARTIFICIO

Gli amanti del football universitario vivono per weeks come queste….

In poche ore si affronteranno in 6 sfide emozionanti 12 squadre del ranking e se questo non basta a rendere l’atmosfera elettrizzante nel programma spuntano altre 3-4 sfide dall’alto tasso di spettacolarità. Insomma ragazzi settimana imperdibile.

 

Arizona @ Oregon

Ma cominciamo subito dalla sfida che vede opposti i Ducks di Mariota ai sempre ostici Wildcats

Oregon sicuramente avrà sete di vendetta dopo che la batosta inaspettata patita l’anno scorso da Arizona per 42-16, mise definitivamente fine alla possibilità dei Ducks di prendere parte al National Championship.

Oregon arriva da prove non convincenti soprattutto in quanto ad Offensive Line ma pare favorita in quanto a maggior talento a roster e soprattutto perché tra le caldissime mura amiche nell’ Autzen Stadium.

Occhio comunque ai Wildcats che di sicuro non hanno una difesa rocciosa, ma hanno un attacco veramente imponente con il Qb Solomon e il running back Nick Wilson assoluti protagonisti.

Mi aspetto una partita ad altissimo coefficiente di spettacolarità con punteggio alto ma con vittoria dei Ducks.

[email protected] Miss

Di sicuro la sfida più interessante della settimana tra 2 delle super potenze della Sec West.

Alabama sembra partire decisamente favorita soprattutto dopo la convincente vittoria con Florida; Sims e compagni hanno mostrato notevoli passi avanti nel passing game e in generale un gioco molto bilanciato, ma anche delle secondarie veramente di livello con su tutti Landon Collins ,potenzialmente la migliore Safety della classe.

Dall’altre parte Ole Miss schiererà una difesa fino ad oggi  dominante che nelle prime 4 week ha concesso solamente 8.5 punti di media all’avversario.

I punti di domanda arrivano dalla fase offensiva dove c’è da sperare che il non brillantissimo Qb dei Rebels , Bo Wallace, non commetta troppi errori e si limiti a gestire la partita e riesca a trovare costantemente il match up su Treadwell, il telentuoso Wr di Ole Miss.

Se la difesa di Ole Missi dovesse tenere in partita la squadra, l’upset potrebbe essere tutt’altro che improbabile

[email protected]

Di sicuro la sfida meno interessante del lotto. Nonostante Las Vegas dia favoriti i Sooners solo di 6 punti , non vedo come Trevor Knight e compagni non possano battere TCU agevolmente.

Gli Horned Frogs arrivano da una schedule non certo impossibile con un unica vittoria “di rilievo”  in casa su Minnesota; il loro running game è sicuramente il punto di forza della squadra grazie anche alla notevole mobilità del loro Qb Trevone Boykin, giocatore dotato di un notevole fisico e delle discrete doti di passatore.

Tcu gioca in casa ma,  a meno di avvenimenti apocalittici,  vedo i Sooners decisamente favoriti e gli Horned Frogs presto fuori dal ranking.

[email protected]

Altra sfida interna alla Sec West che vede impegnata Lsu al Jordan Hare Stadium contro Auburn.

Lsu ha dato segnali di risveglio contro New Mexico State dopo la sconfitta interna patita da Mississippi State. A guidare la squadra in una difficile trasferta ci saranno 2 True Freshman e questo potrebbe essere un problema per l’ateneo della Luisiana. Sembra che coach Les Miles abbia deciso di schierare come Qb titolare Brandon Harris al suo primo anno ai Tigers.

A far compagnia a Harris nel Backfield troveremo il promettente RB Leonard Fournette, anche lui True Freshman.

Si troveranno ad affrontare una squadra solidissima con un Nick Marshall parso veramente in palla nella sua ultima apparizione contro Louisiana Tech. Auburn fa del suo front seven la forza dell’intera squadra ed è qui che potrebbero esserci un paio di problemi: sembra che Kris Frost e Cassaniva Mckinzy(entrambi starting Linebacker) possano essere out per questa settimana.

Auburn, secondo Las Vegas, parte favorita di 7 punti….vediamo se l’esperienza riuscirà ad aver ragione dei giovani promettenti, ma ancora grezzi, talenti di Lsu.

Mississippi [email protected] A&M

Terza ma non certo ultima sfida nella SEC West.

Gli Aggies vanno a far visita alla sorprendente Mississippi State, entrambe ancora imbattute.

Texas A&M esce da una settimana che l’ha vista vittoriosa, ma non convincente, dopo un overtime,  nella partita con Arkansas.

I dubbi per la formazione di  Kevin Sumlin non riguardano il reparto offensivo, dove brilla la stella di Kenny Hill, ma la fase difensiva. Ad un front seven che sembra decisamente migliorato soprattutto nel difendere sulle corse, si contrappone una  reparto di secondarie molto sospette, propense a concedere Big Plays con troppa facilità.

I Bulldogs arrivano da un inizio stagionale sorprendente, che ha messo in luce un Dak Prescott(QB) che se dovesse continuare su questo passo, potrebbe rientrare nel cerchio di coloro che si giocheranno l Heisman Trophy. Oltre a Prescott i Bulldogs possono puntare su Josh Robinson(il running back che ha sostituito Ladarius Perkins) che in questo inizio di stagione ha già corso per oltre 485 yards.

Difensivamente i Bulldogs schierano un duo in d-line veramente dominante(Chris Jones-Preston Smith) in grado di mettere in seria difficoltà la linea offensiva degli Aggies ma anche loro sembrano piuttosto sospetti nel reparto DB.

Sfida apertissima che potrebbe essere decisa sul filo di lana

[email protected] Dame

Da questa sfida si riuscirà finalmente a capire quanto sono pericolosi in ottica playoffs i Fighting Irish.

Dal lato offensivo, mentre Notre Dame sembra decisamente più convincente, con un Qb Everett Golson in grande spolvero, si contrappone una Stanford che è parsa veramente in difficoltà nel riuscire a raggiungere la End Zone avversaria. Si aspettavano dei passi in avanti da Kevin Hogan che non sono mai arrivati e se si esclude Ty Montgomery, il reparto offensivo pare veramente povero di talento.

Il discorso è diverso invece in fase difensiva: qui Stanford è una certezza con una delle difese più solide dell’intera Ncaa e sembra decisamente essere superiore a Notre Dame che non ha convinto a pieno nella fase di contenimento degli avversari.

Stanford parte avanti di 2 punti secondo Las Vegas…..insomma la sfida sarà caldissima!

[email protected]  State

Sfida infuocata all interno della Big Ten tra Michigan State e Nebraska  che molto probabilmente sarà anche la sfida che assegnerà il titolo della conference a fine stagione.

I Cornhuskers schierano uno degli attacchi più impressionanti della lega guidati dal qb Tommy Armostrong Jr ma soprattutto dall’incontenibile RB e principale candidato all’Heisman Trophy, Ameer Abdullah. Il ragazzo ha già corso per 833 yards in stagione e sembra a tratti davvero incontenibile.

La chiave della partita sembra essere tutta qui: se la forte difesa degli Spartans dovesse riuscire a contenere Abdullah, l’attacco guidato da Connor Cook potrebbe avere vita facile nel mettere a tabellone i punti necessari per portarla a casa. In caso opposto potremmo andare incontro ad una partita ad alto punteggio con un esito imprevedibile.

 

ALTRE PARTITE

Come se non bastasse, ecco altre partite che potrebbero essere interessanti:

[email protected]: sfida sempre interessante all’interno della Big 12 nonostante lo scarso rendimento dei Longhorn

Arizona [email protected] Usc: Se tra le fila dei Sun Devils dovesse rientrare il Qb Taylor Kelly la sfida potrebbe essere tutt’altro che già decisa.

Ohio [email protected]: i Buckeyes in piena crisi con una difesa abbondantemente sotto i loro standard riusciranno a sconfiggere i Terrapins apparsi in buona forma nella vittoria con Indiana?

 

 

Per questa settimana direi che può bastare…allacciate le cinture….ci sarà da divertirsi