NCAA Week #13: un po’ di preview

Alabama c’è sempre.

Passano gli anni cambiano i Qbs, ma la squadra di Saban non perde mai un passo; si può capitare lo scivolone annuale, ma quando c’è da serrare i ranghi e vincere le partite che contano, i Crimson Tide rispondo sempre, non perché guidati da individualità strabordanti, ma perché squadra vera, con al timone un Head Coach, che sarà magari antipatico a molti, ma è indiscutibilmente uno dei migliori, se non il migliore in circolazione(non ditelo però a Miami).

Negli ultimi anni hanno perso giocatori come Marcell Dareus, Julio Jones, Mark Ingram, Dee Milliner, Chance Warmack, D.J Fluker, Eddy Lacy, C.J Mosley, Clinton Dix, Stinton, McCarron e Sunseri tutti finiti al piano superiore, eppure l’anno dopo te li ritrovi ancora la, in testa alla Sec, che puntano al titolo.

Dal 2011 Alabama, alla week 13, è sempre stata tra le prime 3 posizioni del ranking Bcs….

 

NCAA Football: Southern California at UCLA

PAC 12 ALL IN

Questa settimana la Sec non presenta sfide elettrizzanti e alla conference regina è concessa un po’ di tregua.

Al contrario ci aspettano sfide all’ultimo sangue all’interno della Pac-12 South, dove i giochi sono apertissimi e si cerca di capire ancora chi sarà la rivale per il titolo di conference di Oregon. Vi garantisco che a fine stagione dovremo tirar fuori la calcolatrice per capirci qualcosa

La prima sfida in ordine cronologico sarà quella che vedrà impegnati i Trojan in casa di Ucla. Incredibilmente ma vero Usc è in testa alla South nonostante vanti un record peggiore di tutte, grazie comunque alle maggiori vittorie in conference(6).Se mi chiedeste di puntare un centesimo sulla squadra di coach Sarkisian non lo farei anche perché il calendario per Cody Kessler e compagni pare ostico. Dopo il viaggio a casa Bruins, Usc dovrebbe giocarsi l’ultima e decisiva partita in casa con Notre Dame. Non vedo come non possa uscire almeno una sconfitta da queste due sfide.

Aggiungiamoci poi che di fronte hanno si una squadra altalenante, ma comunque piena di talento e che ha fatto vedere dei discreti passi in avanti nell’ultimo mese, con una difesa salita di colpi (e ce lo si aspettava da inizio anno) e un Hundley più preciso (0 intercetti nelle ultime 3 partite) ma soprattutto protetto meglio dalla sua linea. Se Ucla dovesse vincere si aprirebbero le porte per la finale di conference visto che in calendario resterebbe solo la sfida casalinga contro la derelitta Stanford

Interessante il “confronto” diretto tra due dei migliori prospetti attesi al draft l’anno prossimo: riuscirà Brett Hundley a non farsi schiantare da Leonard Williams?

Ma spostiamoci un po’ più a Nord e dalla California trasferiamoci nello Utah dove gli Utes ospitano Arizona.

Per entrambe le squadre questa è decisamente l’ultima spiaggia per restare in scia alle squadre sopracitate. Siamo già in zona cesarini per la squadre di casa, viste le sconfitte divisionali patite contro Washington St, Oregon e Arizona State, ma le vittorie contro Usc e Ucla tengono vive ancora le speranze.

Per Arizona il discorso è paradossalmente l’opposto, visto che in conference hanno perso solamente contro Usc e Ucla(appunto le squadre battute dagli Utes..)

Nonostante i padroni di casa siano favori di 4(secondo las vegas), mi aspetto una vittoria di Arizona se non fosse perché come QB hanno decisamente più talento con un Solomon che mi è tutt’altro che dispiaciuto durante la stagione (nonostante la brutta prestazione di settimana scorsa con Washington).

A completare il quadretto di una Pac-12 ingarbugliatissima , la partita che vede Arizona State giocare in casa contro Washington State. La terribile sconfitta patita la week scorsa, per mano di Mannion e compagni, ha compromesso le speranze di playoffs dei Sun Devils e rischia di mettere anche a rischio la vittoria nella South. Arizona State infatti ha si lo stesso record dei Bruins, ma ha appunto perso e malamente lo scontro diretto contro Ucla.

Per la squadra del duo Bercovici-Kelly non resta che vincere entrambe le partite restanti e sperare nella caduta di Ucla.

bigten02_13wood

BIG TEN WEST

Se le cose in Pac-12 sono un autentico casino, migliorano di poco all’interno della Big Ten South dove le squadre a contendersi il posto sono 4.

Anche qui i discorsi playoffs sono assolutamente chiusi(nessuna ci andrà) ma non quelli per la conference.

La squadra favorita in assoluto pare essere Winsconsin(5-1) che va a sfidare una Iowa(4-2) comunque sorprendentemente ancora in corsa. Se anche due settimane fa i Badgers parevano favoriti, lo sono assolutamente ancora di più dopo la batosta assestata settimana scorsa ai danni della mal capitata Nebraska.

Come faranno gli Hawkeyes a fermare(o quantomeno a provarci) Melvin Gordon? Semplice non ci riusciranno. Il Rb di Winsconsin settimana scorsa ha corso per 408 Yards su 25 portate(battendo il record di un certo Ladainian Tomlinsons) ed è già alla soglia delle 2000 in stagione e non credo che abbia voglia di fermarsi proprio adesso…In più Gordon sa benissimo che dopo l’infortunio di Todd Gurley(legamenti per lui), le sue chance di salire in alto nel primo giro del prossimo draft si fanno concrete, cosi come più che concreta è la sua candidatura all Heisman Trophy( che ormai pare un discorso a due tra lui e Mariota).

L’altra sfida interna alla Big Ten è quella che vede Minnesota far visita a Nebraska. Entrambe arrivano da sconfitte concenti che hanno ridimensionato le speranze in quanto a vittoria in conference. E’ andata sicuramente peggio ai Cornhuskers che si sono visti asfaltare appunto da Melvin Gordon. Adbdullah la star di Nebraska ha perso di gran lunga la sfida con il Rb rivale(anche se probabilmente fermato da una condizione fisica non eccellente) e la squadra in generale è sembrata molle, soprattutto in fase difensiva sulle corse.

Nonostante la forma non eccellente dei padroni di casa, Minnesota non sembra avere le carte in regola per fare l’upset di giornata.

Le due rivali devono guardare con speranza a ciò che succede al Kinnick Stadium e sperare che Winsconsin cada; Se così non fosse il sipario è pronto a calare sulla Big Ten West.