San Francisco 49ers Week #14: @ Oakland Raiders Recap

La sconfitta per 13-24 subìta contro i Raiders mette fine virtualmente alla stagione dei 49ers e molto probabilmente ad un ciclo iniziato nel 2011 che ha portato la squadra di Harbaugh a giocarsi un Super Bowl e tre Championship consecutivi. È difficile raccontare con lucidità quello che è successo all O.co. Coliseum, è come se San Francisco ieri fosse implosa sotto la pressione di tutte le cose negative capitate alla squadra, a partire dal rifiuto di Vernon Davis e Alex Boone di partecipare agli allenamenti di inizio stagione per motivi economici, per arrivare ai vari rumors che hanno parlato, e continuano a farlo tutt’ora, di pessimi rapporti tra Harbaugh, Baalke e alcuni giocatori del roster.

I voti:

Kaepernick: ormai è il fantasma del QB apprezzato nelle scorse stagioni, nella partita di ieri ha iniziato e finito il match con due intercetti frutto di due lanci orribili, il suo rating, condizionato anche da 5 sacks, è stato di 54,4, il secondo peggiore di tutta la stagione. I tre delay of game di ieri evidenziano le difficoltà di lettura delle difese avversarie e la conseguente incapacità di prendere le contromisure entro i canonici 40 secondi. È sembrato deconcentrato e soprattutto rassegnato. Voto: 3.

Offensive Line: contro i Raiders ha dimostrato ancora una volta di essere il punto debole della squadra. Inconsistente in pass protection, e mediocre in run blocking. I 5 sacks concessi ad una difesa che fino a ieri ne aveva messi 13 in 12 partite la dice tutta sulla qualità dei suoi componenti tra i quali i più deludenti sono i veterani Staley, Iupati e, soprattutto, Boone dal quale, dopo tutti i problemi creati in pre-season per avere un adeguamento salariale, ci si aspettava molto di più. Velo pietoso su Jonathan Martin, voluto da Harbaugh, l’ex Dolphin ha mostrato tutte le sue lacune, non è in grado di giocare da Pro. Voto: 2.

Gore: Se c’è un giocatore che non merita di finire la propria carriera con una stagione di questo livello è proprio lui. Quando viene chiamato in causa, a dir la verità poco con gli schemi di Roman, da sempre l’anima, ma con una linea che non gli apre varchi e con un Bruce Miller poco utilizzato come fullback le sue statistiche si sono abbassate drasticamente. La sua frustrazione a fine gara è esplosa tutta nei commenti rilasciati alla stampa. Voto: 6.

Vernon Davis: Partita anonima, ormai non è più una novità. Continua a patire l’infortunio subito alla schiena alcune settimane fa ma la sua stagione è stata a dir poco inaccettabile, soprattutto dopo il rifiuto di presentarsi al mandatory di luglio per motivi contrattuali. Coinvolto sempre meno nel gioco, sembra aver perso la velocità che faceva impazzire gli avversari. Voto: 4.

Wide Receivers: Quando il passing game non funziona i ricevitori non combinano granchè. Crabtree e Boldin hanno messo insieme solo 100 yards, troppo poco. Voto: 5.

Front Seven: la nota dolente arriva dalla difesa e, in particolar modo da questo reparto. Si sapeva che la linea offensiva dei Raiders fosse tra le migliori in pass protection, ma non riuscire nemmeno ad avvicinarsi a Carr per mettergli un po’ di pressione è sembrato troppo. Discreta la copertura sulle corse, meno di 100 yards concesse agli avversari. Con Brooks panchinato, pare, per motivi disciplinari, Aldon e Justin Smith, Lynch e Skuta hanno giocato probabilmente la peggior partita della stagione. Voto: 5.

Secondarie: le secondarie di San Francisco hanno sempre penato quando la pass rush non ha funzionato, così è stato anche contro Oakland. Con l’uscita di Culliver per infortunio le cose sono andate anche peggio.
Voto: 4.

Harbaugh: Questa partita era da preparare soprattutto dal punto di vista mentale. Dopo la batosta interna contro Seattle si doveva lavorare più sulla psiche dei giocatori che sugli schemi ma, a quanto pare, il primo ad aver perso la lucidità è stato proprio Harbaugh, sembrato anche lui, come Kaepernick, rassegnato e poco attento. Il time out chiamato dopo il touchdown di Oakland rasenta il comico. Il suo futuro a San Francisco è legato ad un filo. Voto: 4.