Cleveland Browns: Valutazione Rookie

Lo ammetto, non sono un fan di valutare i rookie dopo solo un anno di gioco, ma proviamo a vedere cosa hanno combinato i giovani A Cleveland quest’anno.

 

Round #1, pick #8: Justin Gilbert, CB , Oklahoma State

Secondo gli esperti Gilbert doveva ricoprire fin da subito il ruolo di secondo CB, portando via il posto a Buster Skrine, andando a formare  con Joe Haden una delle coppie di Cornerback più forti della lega. Non solo questo non è successo, ma Gilbert si è fatto persino portare via il posto da un undrafted rookie. Non che al ragazzo manchino talento e doti atletiche, di cui purtroppo ci ha deliziato solo a tratti, ma di maturità. Infatti per questo motivo è stato sospeso l’ultima partita contro I Ravens ed  è  più volte stato ripreso nella stagione dai veterani per lo scarso impegno dimostrato in allenamento. Mi è dispiaciuto non averlo visto all’opera come ritornatore, magari avrebbe fatto vedere qualche buona cosa.

Voto: C-

 

Round #1, pick #22: John Manziel, QB, Texas A&M

Gli Haters staranno godendo come non mai per la scarsezza delle prestazioni di Johnny. Il ragazzo ha giocato in modo pessimo la sua partita e mezza da titolare, non riuscendo mai a trovare il ritmo con i suoi ricevitori e facendo vedere quanto il mondo NFL è diverso per i QB rispetto alla NCAA. Ha dimostrato durante il suo primo anno a Cleveland che i vari difetti caratteriali sono ancora un grosso problema per il ragazzo e qui vale lo stesso discorso di Gilbert. Finchè non riuscirà a maturare non potrà mai dimostrare il suo valore in NFL

Voto: C-

 

Round #2, pick #35: Joe Bitonio, OL, Nevada

Se non fosse stato per Martin, sarebbe stato sicuramente il miglior OL rookie di questa stagione. Non ha mancato uno solo snap offensivo nel 2014 e persino un fenomeno e probabile futuro Hall of Famer come Joe Thomas si è stupido delle qualità del ragazzo. Fortissimo nel gioco di corse e assolutamente eccellente nel coprire il proprio Quaterback durante le azioni di passaggio, ha concesso un solo sack. Sicuramente il miglior rookie dei Browns in questa stagione.

Voto A+

 

Round #3, pick #71: Chris Kirsley , LB, Iowa

Un’altra scelta solida da parte dello staff dei Browns. Definito come la versione povera di Shazier, il ragazzo si è liberato da tale nomea mettendo in campo una solida stagione e giocando metà delle partite come titolare. Kirksley ha chiuso la stagione con 81 tackle 2 sacks e un forced fumble, non male per chi a seconda di molti doveva solo giocare nelle ovvie situazioni di passaggio, per sostituire Robertson, e negli special team.

Voto: B+

 

Round #3, pick #94: Terrence West, RB , Towson

Partito come prima riserva di Tate, si è trovato poi a diversi gli snap con l’altro rb rookie Crowell. Ha ancora il vizio di aspettare troppo dietro la linea di scrimmage, ma ha una corsa agile e un’ottima visione di gioco. Molto utile anche come ricevitore aggiunto

Voto: B

 

Round #4, pick #127: Pierre Desir, CB, Lindenwood

Quest’anno non doveva nemmeno entrare in campo ed essere una stagione di transizione per Desir, ma le varie assenze nella secondaria dei Browns hanno costretto il coaching staff a buttare il ragazzo nella mischia. Il giovane CB ha messo in campo una stagione solita senza troppe sbavature e senza eccellere.

Voto: B-

 

UDA: Isaiah Crowell, RB, Alabama State

Una delle due perle pescate fra gli undrafted agent. Ottimo giocatore passato velocemente dal ruolo di terzo rb a diversi gli snap con West dopo che i Browns hanno tagliato Tate. Ha un talento naturale e una potenza fisica impressionante. Abile sia nel rompere che eludere i placaggi avversari, ha dei piccoli problemi con i fumble, ben tre quest’anno.

Voto: B+

 

UDA:  Gabriel Taylor, WR, Abilene Cristian

Piccolo WR ma da grande cuore. alla fine dei camp si è presentato nell’ufficio di Farmer pregando di non tagliarlo perchè gli avrebbe ripagato la fiducia in campo. Taylor non ha deluso dimostrandosi nonostante la sua piccola taglia un’arma molto pericolosa, specialmente nel profondo dove ha messo in luce tutta la sua velocità.

Voto: B

 

UDA:  Connor Shaw, QB, South Carolina

Passato dalla pratic squad a quaterback titolare dopo gli infortuni di Manziel e Hoyer. Ha messo in campo una prestazione senza grosse sbavature.

S.V.

 

UDA:  K’Wuan Williams, CB, Pittsburgh

Una bellissima perla pescata nell’oceano degli UDA. Partito in sordina si è sempre più guadagnato i galloni da titolare come slot cb. Non ha mai dimostrato grosse debolezza, ma è stato un punto fermo della secondaria dei Browns quando non è stato fuori per infortunio.

Voto: A-