Cleveland Browns: qualcosa si muove.

Ieri dopo alcuni giorni di agonia i Cleveland Browns si sono finalmente mossi nel mondo della free agency e lo hanno fatto in modo alquanto deciso.

Analizziamo ora le mosse compiute da Ray Farmer e dal suo staff.

Randy Starks. (2 anni 8 milioni di dollari)

Farmer decide di rimpolpare la linea  difensiva dei Browns e per farlo va ancora a pescare un ex giocatore dei Miami Dolphins. Starks è un giocatore solido, che nonostante le undici stagioni come professionista ha saltato solo 8 partite. che aiuterà la linea difensiva nel contrastare le corse avversarie  e portare maggior pressione ai qb avversario. Probabilmente verrà schierato come DE e rimpolperà una linea difensiva flagellata dagli infortuni, 10 formazioni titolari diverse l’anno passato, e che è stata umiliata dai rb avversari. Il contratto non è affatto pesante per un giocatore del suo calibro, rilasciato dai Dolphins per permettersi il regale contratto di Suh, che aiuterà sicuramente i suoi giovani compagni di reparto a crescere.

Tramon Williams ( 3 anni 21 milioni di dollari)

Cleveland sostituisce il partente Buster Skrine con il veterano, ex Green Bay Packers, Tramon Williams. Come per Starks si è messo sotto contratto un giocatore non stellare, ma solido e poco propenso agli infortuni nonostante abbia già 32 anni. Il corneback è capace di giocare sia in copertura uomo che a zona, inoltre ha anche esperienza come slot corner. A questa versatilità bisogna aggiungere una gran intelligenza di gioco e ottime abilità nel gioco aereo che lo fanno un ottimo cb numero 2. Williams andrà ad unirsi a una delle secondarie più forte della lega, portando ulteriore esperienza che non farà certo male ai tre giovani DB draftati l’anno scorso.

Dawie Bowe in visita a Cleveland

In ultimo si ha la visita di Bowe a Cleveland. La squadra si è detta fortemente interessata a mettere il giocatore sotto contratto. Bowe viene da diverse stagioni deludenti, ma rimane comunque un buon ricevitore capace di ottimi guadagni dopo aver catturato la palla. Il ricevitore  potrebbe diventare quel playmaker offensivo che mancherà ai Browns dopo la sospensione di Gordon per l’intera stagione e dopo esser stato tagliato dai Chiefs non dovrebbe nemmeno chiedere un contratto troppo oneroso.