Tennessee Titans: Analisi del Roster – RB

Proseguiamo il  viaggio tra le linee dei Titans del 2015, parlando di un reparto che ha sofferto non poco l’anno scorso: i Running Backs!
Immagine

Bishop  Sankey, 152 portate, 569 yds, 2 TD, 18 ricezioni per 133 yds

Primo RB selezionato nel secondo round del draft dell’anno scorso, Sankey aveva sulle spalle una grande dose di aspettative che purtroppo non sono state raggiunte. Complice anche la sua mancata presenza agli OTAs e alla prima parte dei Trining Camps per cause didattiche universitarie (come ti capisco), Bishop si è probabilmente trovato a dover inseguire i compagni nella lettura e memorizzazione del Playbook, e questo ha influito moltissimo ogni volta che si scendeva in campo. Per qualsiasi giocatore è fondamentale integrarsi al meglio nella squadra e capire fin da subito le dinamiche e gli automatismi che la offense deve mostrare ogni maledetta domenica. Aggiungiamo a questo il fatto che Sankey era rookie e dunque proveniva da un sistema totalmente diverso ed ecco spiegate la scarse performances dell’anno passato. Quest anno le cose si prospettano molto diverse: Sankey è stato presente ad ogni team meeting e giocherà con una sicurezza sicuramente maggiore.

David Cobb, rookie

Cobb ha di fatto scavalcato il deludente Shonn Greene, tagliato pochi giorni fa, come Back fisico e di sfondamento. La sua caratteristica è certamente quella di essere un RB che non teme il contatto e decisamente non lo subisce ma che spesso lo va a cercare. I giocatori come Cobb sono praticamente dei LB con la palla, sono loro che fanno il placcaggio, solo che giocano in attacco. L’importante sarà che il giocatore comprenda che una difesa NFL è molto diversa da una del College, e che i difensori si allenano specificatamente per affrontare anche questo tipo di RB, testando ogni giorno nuovi modi per provocare dei fumble, una piaga a cui molti rookie sono soggetti.

Dexter Mcluster, 40 portate, 131 yds, 26 ricezioni per 197 yds, 1 TD

Molto spesso, durante le partite dell’anno scorso, mi chiedevo  che fine avesse fatto Mcluster e perchè non lo si utilizzasse di più. Un giocatore come  lui, praticamente un ibrido RB/WR può essere decisivo in azioni particolari come RB screens o check e non capivo perchè Whisenhunt non sfruttasse la cosa a suo vantaggio, puntando sull’imprevedibilità data da questa sua versatilità. Tutt’ora mi scende una lacrimuccia se penso alle occasioni che Whisenhunt (un Coach terribilmente inetto ad utilizzare un backfield secondo la mia modestissima opinione) ha dato a un giocatore come Leon Washington, lasciando Mcluster in panchina. Il secondo anno della gestione Whiz mi auguro veda l’ex Chiefs più utilizzato, altrimenti potrebbe decidere di lasciare la squadra verso uno staff che sfrutta al meglio i talenti del proprio roster.

-Jalston Fowler, rookie

Fowler è considerato un FB, e molti degli esperti hanno riso in faccia ai Titans per aver scelto un giocatore listato come tale già al 4 round. In realtà, Fowler è un Fullback per modo dire, come dimostrano i 113 carries, le 755 yds guadagnate e i 5 TD segnati l’anno scorso. Inoltre, al college ha ricoperto praticamente tutte le posizioni del backfield (FB/RB) e ha dimostrato ottime capacità di ricezione schierandosi occasionalmente anche come TE ricevendo 19 volte in carriera e segnando 7 TD. Fowler era nella squadra allenata dai Titans nel Senior Bowl ed è evidente come il RB coach (Sylvester Croom) si fosse innamorato delle caratteristiche di questo giocatore e abbia giocato un ruolo fondamentale nella cosi discussa scelta di selezionarlo nel 4th round. Visti i numeri, però, io mi fido.

Antonio Andrews 0 portate, 0 yds, 2 ricezioni per 11 yds

Undrafted Free Agent dell’anno scorso, Andrews ha visto molto poco il campo, anche se ha comunque preso parte a qualche snap. Giocatore che è ancora un punto di domanda, al college ha inanellato prestazioni spettacolari ma fatica a trovare posto nella squadra. Forse questo sarà l’anno in cui vedrà il campo con più frequenza, ma ne frattempo la preseason ci dirà qualcosa in più su questo enigmatico giocatore.