Cowboys Training Camp War

 

Sbrogliata la matassa contrattuale di Dez Bryant, anche i giocatori dell’America’s Team si accingono a iniziare la propria stagione nel torrido clima di Oxnard, la base militare dei caschi stellati.

La franchigia di Jerry Jones ha mantenuto l’ossatura vincente, agendo molto bene tra draft e free agency e costruendo attorno al nucleo portante una squadra (sulla carta) più competitiva di quella che perse il Divisional Round a Green Bay. Nulla però è definito, e la vetrina del Training Camp e della Preseason sarà fondamentale per delineare le depth chart della prossima stagione.

 

 

Offense

Quarterback

Non c’è nessun punto di domanda riguardante chi sarà il regista dei Cowboys, chiaramente quel Tony Romo risorto dalle ceneri che ha condotto la squadra texana a una grande stagione.

Gli altri due spot da QB in rosa saranno contesi da Brandon Weeden e Dustin Vaughan. Sulla carta, il primo backup dovrebbe essere il 31enne Weeden, ma l’età che avanza e un ottimo training camp da parte del suo avversario potrebbero convincere Jason Garrett ad anteporre il 24enne da West Texas A&M all’attuale second stringer. Difficilmente farà parte del roster il rookie Showers.

 

Depth provvisoria: Romo / Weeden / Vaughan / Showers

Sfide del reparto: Weeden vs Vaughan, Vaughan vs Showers

 

Wide Receivers

Ben delineata è anche la situazione dei pass catchers: Dez Bryant, rifirmato giorni fa, coprirà il lato forte, mentre il suo scudiero Terrance Williams sarà l’altro wideout. Fondamentale sarà l’impatto di Cole Beasley nella slot, dove si è dimostrato uno dei migliori interpreti del ruolo, mentre accesa è la sfida tra Devin Street (che scalerà alla posizione ricoperta lo scorso anno da Harris, anche se non performerà come ritornatore), Antwan Goodley (che potrebbe passare a running back) e l’altro UDFA George Farmar.

 

Depth provvisoria: Bryant / Williams / Beasley / Street / Goodley / Farmar / altri

 

Sfide del reparto: Street vs Goodley, Goodley vs Farmar

 

 

Tight Ends

Sebbene Jason Witten sia già avanti con gli anni, la sua impeccabile tenuta fisica e mentale lo porrà ancora a una volta a segnare il lato forte del campo dal primo snap. Lotta aperta tra James Hanna e Gavin Escobar a contendersi il weak side del campo nelle double-TE formations, con l’ultimo nominato in cospicuo vantaggio. Per il garbage time, invece, scalpitano i rookies Swaim ed Hamilton, col primo favorito sul secondo.

Depth provvisoria: Witten / Escobar / Hanna / Swaim / Hamilton

Sfide del reparto: Escobar vs Hanna, Swaim vs Hamilton

 

Running backs

Tralasciando il discorso Clutts, sicuro al 100% del posto da fullback titolare nella I-Formation, è attorno a questo ruolo che si accentrano i maggiori dubbi per i tifosi e per la squadra. Jerry Jones ha provato a bluffare nelle sue dichiarazioni, la verità è che si è investito male nel ruolo di corridore e potrebbe risultare un brutto passo indietro vista la stagione dominante dell’ormai ex-Cowboys DeMarco Murray.

Il neoacquisto Darren McFadden, apparentemente quello che doveva iniziare la stagione dal primo minuto, si è già fatto male, e questo ha permesso a Joseph Randle di scavalcarlo nella depth. Dalla sua, Randle ha anche un anno di studio alle spalle di Murray, e conosce perfettamente la portentosa linea che avrà davanti agli occhi durante la stagione.

Dietro a questi due, dovrebbe partire Lance Dunbar (con tutta probabilità nel doppio ruolo di half back e di returner) mentre difficilmente il rookie Lache Seastrunk farà parte del roster.

 

Depth provvisoria: Randle / McFadden / Dunbar / Seastrunk

 

Sfide del reparto: Randle vs McFadden

 

Offensive Line

Sebbene sia la migliore linea del campionato per la maggior parte degli insiders, non mancano i punti di domanda per l’O-Line dei Boys. L’anno scorso, il quintetto Smith – Leary – Frederick – Martin – Free ha disputato una grande stagione, ma la guardia sinistra non è riuscita mai a convincere pienamente, risultando il più delle volte l’anello debole di una macchina quasi perfetta.

Visto il cedimento fisico di un giocatore in declino come Mackenzy Bernadeau, il maggior avversario di Leary durante questo camp sarà La’el Collins, undrafted free agent con talento da first round, nonché camaleontico o-lineman dall’elevatissima duttilità tattica: nonostante nasca come Tackle, difficilmente si farà scrupoli a lottare per uno starting spot da guardia sinistra. Da verificare anche il posto di Chaz Green, rookie che potrebbe cadere presto nel dimenticatoio causa infortuni e sovraffollamento nel ruolo.

 

Depth provvisoria: Smith / Collins / Frederick / Martin / Free – Weems / Leary / McDermott / Bernadeau / Wetzel – altri

 

Sfide nel reparto: Collins vs Leary, Leary vs Bernadeau, Bernadeau vs Green

 

 

Defense

Defensive Line

Rinnovatasi eccome durante l’offseason, la D-Line dei Cowboys mostra diversi spunti per questo training camp. La squalifica di Hardy, il mal di pancia di Mincey, la necessità di inserimento per Randy Gregory associate alla mancanza di due tackles veramente affidabili e la crescita di DeMarcus Lawrence creerà continui capovolgimenti di fronte e cambiamenti di formazione durante la preseason. Idealmente parlando, Garrett vorrebbe Hardy e Gregory come pass rushers, mentre all’interno della linea affiancherebbe all’ottimo Tyron Crawford un DeMarcus Lawrence adattato a tackle. Ancora tutto, però, è da verificare, specie per quanto riguarda i posti più in basso della depth.

 

Depth provvisoria: Hardy / Crawford / Hayden / Mincey – Gregory / Coleman / T.McClain / Lawrence

Sfide del reparto: Hayden vs McClain, Mincey vs Lawrence, Lawrence vs Gregory.

 

Linebackers

Il ritorno di Sean Lee e la partenza di Justin Durant in direzione Atlanta cambia parecchio le carte in tavola per la linea mediana dei texani. Rolando McClain (squalificato per quattro giornate) agirà da Mike, mentre Sean Lee (se riuscirà ad arrivare sano al primo kickoff) verrà spostato sul lato debole, con la sorpresa stagionale Hitchens a fare la voce grossa sullo strong side. Pochi dubbi su questa formazione, anche perché Keith Rivers (firmato in offseason) ha detto basta alla palla ovale e per questo è stato messo in retired list. Tutti si aspettano grandi cose dal rookie Damien Wilson, che partirà come backup principale dei tre mediani.

 

Depth provvisoria (ILB-SLB-WLB): McClain / Hitchens / Lee – Wilson / Gachkar / Brinkley altri

 

 

Sfide del reparto: Wilson vs Hitchens

Defensive Backs

La secondaria dei Cowboys non è mai stata considerata tra le prime della classe, ma va evidenziato come la mano di Vic Marinelli lungo tutta la stagione abbia condizionato e in meglio il rendimento dei defensive backs. Orlando Scandrick e Brandon Carr dovrebbero ancora essere i cornerbacks titolari, con il rookie Byron Jones pronto a subentrare nelle nickelback formations (in tal caso, Scandrick verrebbe assegnato allo slot). Da duttile talento quale è, il buon Byron insidierà il calcagno di JJ Wilcox e di Barry Church, titolari nei ruoli di Safety.

Vista la fragilità delle gerarchie, tutto potrà accadere durante questo camp: da focalizzare l’attenzione su Mo Claiborne tra gli esterni e Jeff Heath tra le safety.

 

 

Depth provvisoria (SCB/SS/FS/WCB): Scandrick / Church / Wilcox / Carr – Claiborne / Heath / Smith / Jones – altri

Sfide del reparto: Wilcox vs Jones, Jones vs Claiborne, Heath vs Church