Appunti dal training camp – Philadelphia Eagles

Dopo quasi 10 giorni di camp e alla vigilia della prima uscita prestagionale facciamo un primo punto della preparazione degli Eagles.

Quarterback

Partiamo dal tanto atteso Sam Bradford. Dopo qualche giorno passato a rimuovere mesi di ruggine ha fatto vedere cose ottime. Deve sicuramente migliorare la forma fisica della parte bassa del corpo che gli ha dato qualche problema di accuracy a livello di tecnica di lancio, ma si è subito dimostarto il miglior QB del lotto. Ottima la connection con Jordan Matthews e Zach Ertz.

Mark Sanchez si è allenato solamente con le seconde linee con alti e bassi. Non pare ci sia al momento una competizione aperta ma che Sanchez, come Ryan Mathews, sia solamente una costosa e solida polizza assicurativa.

C’è vera competizione per il terzo spot invece. Il primo a beneficiare di questa competizione è stato proprio Matt Barkley che ha fatto vedere migioramenti inaspettati dopo il disatro delle scorse offseason. Si è dimostrato un QB con un accuracy maggiore rispetto al compagno ma Tim Tebow – che pur pare abbia fatto grossi miglioramenti sulla tecnica di lancio – dalla sua ha sempre una combinazione esplosiva che potrebbe stuzzicare Kelly a confermarlo sopra, il forse migliore globalmente, Barkley. Fondamentali per loro le partite di preseason dove giocheranno parecchi snap.

Wide Receiver

Reparto orfano di Maclin che sta cercando nuove gerarchie. In questa prima parte di camp è il sophmore Jordan Matthews ad essersi messo in mostra e candidatosi di prepotenza a WR #1. Oltre a lui un reparto che sta riscoprendo il talento di Josh Huff e soprattutto barlumi di speranza per un ritorno a livelli decenti da parte di Riley Cooper, rivitalizzato dalla cura Bradford. Dopo un avvio molto in sordina sta emergendo invece tutto il talento di Agholor che, pur lentamente, sta scalando la depth. Dietro a loro nulla da segnalare, con un Miles Austin parecchio sottotraccia.

Da segnalare purtroppo i tagli repentini di due interessantissimi UDFA, come DeVante Davis e John Harris.

Tight End

Ci abbiamo scommesso parecchio in questa offseason e pare proprio che Zach Ertz si tirato a lucido pronto ad esplodere al suo terzo anno. La connection con Bradford sembra già solidissima e, qualche paura di troppo su un paio di scontri in allenamento a parte, c’è grande attesa per la stagione dell’ex Stanford. Celek pare il solito veterano solidissimo.

Running  Back

Da segnalare come DeMarco Murray abbia saltato più di un allenamento senza apparente motivo o abbia svolto un carico differenziato più leggero. “E’ per questo che abbiamo i GPS e altri oggetti tecnologici” è stata la risposta a queste assenze. Evidentemente Kelly sta monitorando da vicino la sua condizione fisica e vuole evitare rischi dopo la massacrante stagione 2014 per l’ex Cowboys.

Offensive Line

Se nel ruolo di Guardia sinistra pare sia Allen Barbre ad aver vinto il ruolo sulla fiducia, su quella di Guardia destra Kelly sta provando addirittura ben 4 uomini a rotazione con la prima squadra : Matt Tobin, Julian Vandervelde, John Moffit e Andrew Gardner, con quest’ultimo probabilmente in leggero vantaggio sugli altri 3. Giochi comunque apertissimi fino alla vigilia di week 1.

Difensive Line

Unica nota da segnalare è che Cox è già tirato a lucido, pronto ad entrare nel suo ultimo anno di contratto.

Linebacker

Da segnalare i miglioramenti fisco-atletici dell’enigmatico Marcus Smith che, lontano dalla pressione dello scorso anno, pare almeno vagamente un giocatore di football. Vedremo se sarà anche presentabile in rotazione quest’anno. Per il resto parecchi problemi per Kiko Alonso, ancora ai box reduce da una concussion. Purtroppo il secondo giorno gli Eagles hanno perso Travis Long per un ennesimo ACL, il terzo negli ultimi 4 anni per il giocatore.

Defensive Back

E’ Nolan Carroll il giocatore più sorprendente di questo camp che si è candidato in maniera decisa al ruolo di secondo CB esterno. La lotta per il ruolo con il rookie Eric Rowe si è interrotta dopo che il rookie JaCorey Shepard si è rotto il legamento crociato, con il primo quindi dirottato a ruolo di nickel assieme a Jaylen Watkins al posto dello sforunato Shepard. Sta deludendo invece l’altro rookie Randall Evans, addirittura a rischio taglio. Per quanta riguarda il reparto Safety sempre più convincente l’ex Seattle Thurmond nell’inedito ruolo di SS.

Manuel Tracia