Week 4: Baltimore Ravens @ Pittsburgh Steelers preview

Ultima chiamata per i playoff? Probabilmente si. Nessuna squadra ce l’ha mai fatta partendo con uno 0-4, più per motivazioni psicologiche che di mera aritmetica.

Joe Flacco durante le interviste di rito, dopo l’ultimo allenamento della settimana prima della trasferta a Pittsburgh, ha, con molta sincerità, ammesso che anche nel 2012 prima di acquisire l’accesso ai playoff si veniva da tre sconfitte consecutive ma in quel caso bastava una sola vittoria per raggiungere il traguardo, oggi invece anche vincendo il record sarebbe 1-3 quindi ancora molto negativo e non ci sarà troppo spazio per ulteriori scivoloni, per cui a livello psicologico per i giocatori è un bell’ostacolo.

Jimmy Smith afferma che il problema avuto nel controllare A.C. Green è stato più una questione di tecnica utilizzata che di schemi erratici, in pratica ha difeso il suo DC sotto accusa dopo la debacle difensiva di domenica. Ha usato la parola “piccole sfumature”. I tifosi si augurano che sia così anche se l’operato di Dan Pees è decisamente sospetto e sicuramente la complessità dei suoi schemi di copertura non aiuta l’inserimento di rookie e free agent. I problemi quindi ci sono e non è chiaro se siano risolvibili in breve tempo e comunque entro la fine di questa stagione.

Crockett Gilmore probabilmente non sarà della partita, quindi ci saranno disponibili sono due TE, i rookie Maxx Williams e Nick Boyle, un’altra complicazione come se non ce ne fossero abbastanza. Breshad Perriman è ovviamente indisponibile mentre Eugene Monroe si è allenato e si spera che sia della partita anche perché James Hurst è stato davvero una sciagura e il lato cieco di Joe Flacco è sempre stato esposto e mal difeso, quindi dovrebbe esserci un certo upgrade della linea offensiva. Si spera in una prestazione migliore dell’OL soprattutto in relazione ai giochi di corsa: i numeri sono davvero insoddisfacenti.

Da verificare anche se finalmente sarà della gara Jason Babin che potrebbe dare un contributo alla pass-rush ancora non del tutto pervenuta e sicuramente lontana dai fasti dello scorso anno senza TSizzle (Terrell Suggs).

Per il resto la squadra dovrebbe essere al completo eccetto novità dell’ultim’ora che si sapranno però solo in serata.

Dall’altra parte non sarà della gara Ben Roethlisberger sostituito da Michel Vick, è a rischio anche la presenza di Ryan Shazier che ha preso una botta alla spalla domenica in seguito ad un tackle nella gara contro i Rams.

Baltimore si trova quindi ancora una volta, e ben in anticipo rispetto al fatidico Dicembre, ad affrontare una sfida decisiva per accendere la speranza dei tifosi di poter centrare la postseason, l’ambiente di solito ha sempre ben reagito in queste situazioni ma si partiva da record diversi, adesso si è in una situazione piuttosto delicata. Un’eventuale ulteriore sconfitta aprirebbe anche scenari inconsueti per i Ravens a questo punto della stagione tenendo conto anche del mini BYE di 10 giorni, non escluso un cambio di assistenti da parte di John Harbaugh.

Nota di cronaca: in settimana Mr. Kraft Jr. ha avuto qualche parolina di sfottò nei nostri confronti per l’inizio non proprio brillante di stagione. Non reputiamo il caso degno di ulteriore considerazione tranne per il fatto che a Baltimora abbiamo una memoria elefantiaca per certe cose e ce ne ricorderemo sicuramente al momento opportuno che certamente arriverà … caro Mr. Kraft Jr!

EDIT: Da notizie dell’ultim’ora pare che ne Eugene Monroe ne Chris Canty saranno disponibili. Il ruolo di LT sarà nuovamente di James Hurst (che gli dei del football ce la mandino buona) …