Week 6: Cincinnati Bengals @ Buffalo Bills

 A Buffalo arrivano i Bengals, i Bills non stanno andando benissimo in casa, 1-2 il bilancio al Ralph, Bengals imbattuti e favoriti, ma la partita è molto più aperta di quanto dicano le stats.

Di certo i Bills dovranno oltremodo limitare le penalità, nessuna squadra ha preso tante flag e tante penalità quante Buffalo, soprattutto nelle due sconfitte interne l’emotività ha avuto la meglio sulla lucidità regalando decine e decine di yard gratuite a squadre scaltre e furbe come Patriots e Giants. Ripetere questi errori e giocare indisciplinati vorrebbe dire sconfitta certa contro un team praticamente perfetto, soprattutto offensivamente, ed estremamente rodato come quello di Marvin Lewis (nello staff difensivo dei Ravens assieme a Rex Ryan quando quella difesa li non scherzava affatto), che, tanto per rendere l’idea non schiera tra gli starter nessun giocatore nuovo ne rookies rispetto alla scorsa stagione.

Dicevamo dell’attacco di Cinci, che Pro Football Focus considera il migliore in assoluto limitatamente all’attacco aereo, attacco guidato da quello che, lo dissi in tempi non sospetti, era il mio favorito nella corsa alla panchina dei Bills lo scorso inverno (con Schwartz come DC), Hue Jackson, che, recentemente ha detto che, uscendo dall’ufficio già era certo di essere lui il nostro nuovo head coach, poi, sappiamo tutti quanto Rex abbia portato al suo mulino. Ma questa è acqua passata.

Il presente dice che questa partita ha un peso specifico molto maggiore per noi Bills, una sconfitta, 3-3 ed un brutto 1-3 casalingo non sarebbe un buon viatico per la parte centrale di stagione, al contrario, un 4-2 alla vigilia di una trasferta a Londra contro i Jags sarebbe un viatico carico di speranze in ottica wild card nella AFC.

ATTACCO BENGALS CONTRO DIFESA BILLS

Probabilmente è la situazione più interessante dal punto di vista tecnico.

La difesa di Buffalo è sempre difficile da decifrare, leggo molto e sono molti i malumori rispetto a quello che era il rendimento lo scorso anno, ma è ingeneroso, la difesa di Buffalo, diciamolo, resta molto forte, e sta crescendo come reparto a vista d’occhio, i team, a partire dai Patriots, che sono maestri in quel tipo di gioco, han finora deciso di affrontare la linea difensiva a suon di quick pass, passaggi rapidi, tracce veloci per ridurre al minimo il potenziale impatto della pass rush, questo attacco ci ha surclassato contro Brady, è bastato ai Giants per vincere, ma già li si son visti dei progressi ed è stato ben arginato contro Tennessee.

C’è da vedere come intende giocare Hue Jackson, Cinci ha una gran linea d’attacco, con tre giocatori di livello superiore alla media come Withworth, Boling e Zeitler oltre a Bodine e Andre Smith a completare un reparto di grande consistenza, di certo non rinunceranno a provare a stabilire un gioco di corse ,sulle spalle di Hill e Benard che però fin qui non hanno fatto strabuzzare gli occhi, sappiamo che il dogma di Rex è di fermare le corse e rendere gli avversari dipendenti solo dal passaggio contro il quale mandare una serie di formazioni “esotiche” per confondere le idee e rendere e dare un senso di pressione costante ai QB avversari.

Non crediamo che Cinci stravolgerà molto il suo gioco proverbiale, Dalton tra l’altro ha lanciato contro i Jets forse la sua miglior partita della carriera nell’unico precedente diretto contro Ryan, se Buffalo riuscirà bene a gestire le corse anche creative dei due sopracitati, comincerà una partita nella partita, non abbiamo ancora nominato AJ Green, non ce n’è bisogno, Sanu, Marvin Jones e Tyler Eifert, verosimilmente sono giocatori che non possono essere tenuti in copertura par più di qualche secondo, in quei secondi si dovrà essere per forza in faccia a Dalton se no, per quanto Gilmore Darby e Graham siano tra i top nel loro ruolo in copertura, sempre secondo PFF, sarà impossibile contenere l’attacco dei tigrotti.

Nei Bills mancherà Aaron Williams, purtroppo i postumi dell’infortunio al collo sono ancora lontani dall’essere passati e prima di 8 weeks non sarà in campo, vedremo chi tra l’omonimo Duke o il mitico Rambo prenderà la maggior parte degli snap, tutti aspettiamo una gran partita di Mario Williams, un po’ criticato finora per il rendimento, ingiustamente a mio avviso, potrebbe essere lui, di rabbia, la chiave dei Bills, dall’altro lato, con tutte le attenzioni per forza su Green, occhio ad Eifert, potrebbe farci molto molto male.

ATTACCO BILLS CONTRO DIFESA BENGALS

Non meno interessante e forse ancor più decisiva questa situazione.

Subito, non si sa chi giocherà, Tyrod Taylor ha preso pochi snap finora, l’infortunio non è grave, ma è fastidioso, fastidioso perché crea problemi di esplosività, di meccanica di lancio, e tutto quanto ne consegue, Manuel è pronto e al contrario di quasi tutti i tifosi Bills io son tranquillo, il ragazzo ha quello che serve per fare bene, fiducia e sicuramente un coaching staff più adatto e in grado di supportarne i pregi, (non fatemi nominare Marrone e il suo stile offensivo).

In ogni caso, le fortune dei Bills si costruiranno sulle corse, se funzioneranno allora sarà tutto più facile, McCoy ha appena tweetato che sarà del match, non so come e quanto, Karlos Williams è alle prese col rigido protocollo da concussion che già gli ha tolto una partita, con loro due l’attacco ha sicuramente una m,arcia in più indipendentemente da chi sarà il QB. Ma soprattutto, ritorna Sammy Watkins, è inutile girarci intorno, chi critica la scelta dello scorso draft non si rende conto di quanto lui da solo condiziona un gameplan difensivo, ce ne siamo accorti contro Giants e Titans, Sammy tornerà e ne gioveranno tutti intorno a lui.

La linea non avrà un compito facile, fin qui i progressi dallo scorso anno sono evidenti ma era impossibile fare peggio, Glenn è affidabile, Incognito e Wood stan giocando ad un livello tra il buono e il molto buono ma la parte destra della linea ha faticato sempre e troppo, John Miller, rookie, sta pagando molto in esperienza ma intorno a lui c’è grande fiducia, Henderson invece sembra ancora al livello dello scorso anno, molto al di sotto della media dei tackle NFL, son giovani e con talento ma sarebbe meglio uscisse in fretta, se no gente come Dunlap ma soprattutto Geno Atkins tornato ai livelli stratosferici di qualche stagione fa potrebbero essere ospiti fissi e indesiderati nel nostro backfield.

La difesa dei Bengals, seppur ottima non appare ai livelli dell’attacco o anche solo a quella guidata da Zimmer, il nostro grande Fred Jackson, che ci ha giocato cinque giorni fa, ha appena detto che contro quella difesa i Bills potranno correre tanto e bene, ce lo auguriamo tutti, perché c’è un dato orrendo da considerare, i Bills guidano la famigerata classifica dei 3&out,e questo è stato fatto in due partite, Giants e Titans dove i nostri runningbacks di riserva e riserva della riserva sono stati rimbalzati dai muri avversari, correre aprirebbe il campo per Clay che col ritorno di Watkins, che se sarà lasciato uno contro uno senza aiuti specifici può far molto molto male in qualsiasi zona o modo, potrà aprire più campo per se stesso contro i suddetti linebackers avversari.

Avversari che, se si piazzano all’undicesimo posto come efficienza di pass rush, quando si tratta di copertura specifica non va oltra ad una modesta ventunesima posizione, nonostante un Pacman Jones che gioca come se avesse 25 anni, è probabile che i Bills attaccheranno molto cercando il missmatch di Harvin o Woods con Kirkpatrick o Leon Hall che seppur sempre affidabile ha perso un passo rispetto a qualche anno fa.

Solidità, concretezza, corse e disciplina, per poter poi allargare il campo alle armi migliori e ai big play che abbiamo nel dna, molto più difficile da fare che da dire, soprattutto contro una squadra così, imbattuta ma non imbattibile.  Go Bills

-Andrea “Milton” Grandi