Week 6: Carolina Panthers @ Seattle Seahawks recap

Unbeaten, undefeated, se passate in questi giorni nello stato della Carolina, queste sono sicuramente le parole che potreste sentire nei bar e in qualsiasi posto si parli di football e di Panthers, dopo la pirotecnica ed incredibile vittoria contro i vice campioni Seahawks ottenuta in questa week 6 che si concluderà con il Monday Night Football tra Giants e Eagles.

I Panthers arrivavano al CenturyLink Field con un record di 4 vittorie e nessuna sconfitta, Seattle invece fin qui non ha brillato, la sconfitta all’ultima azione rimediata lo scorso SuperBowl ancora aleggia negli spogliatoi, tanto da condizionare Wilson e soci in questo inizio di regular season, facendosi rimontare all’ultimo quarto per l’ennesima volta.

Diversamente dal risultato finale, è Seattle che domina in lungo ed in largo la gara, nel primo quarto la difesa di Pete Carroll incatena letteralmente Newton e compagni, Panthers che non riescono ad imporre il loro gioco.

Newton subisce il primo sack di giornata da parte di Irvin e le azioni d’attacco sembrano confuse e poco incisive. Lynch e Wilson diversamente ne approfittano, nonostante il rientro di Keuchly riescono a trovare varchi ad ogni drive. Newton torna in campo dopo un attacco di Seattle inconcludente, successivamente all’incompleto su Olsen, si fa intercettare da Thomas sulle proprie 33. Seattle si porta sul 3-0 con un field goal di Hauschka dalle 30.

Fino all’inizio del secondo quarto la partita scivola via in modo abbastanza noioso, quando, all’improvviso durante un drive degli ospiti, Newton finta l’handoff a Stewart e corre dritto in endzone per il suo terzo TD su corsa della stagione, Gano realizzerà poi l’extrapoint per il 7-3 di Carolina.

L’attacco di casa torna in campo, e dopo la bella ricezione di Jimmy Graham (lancio di 25 yard), Russell cade vittima della coppia Addison/Delaire che confezionano il sack sul QB dei Seahawks. Scrollata l’erba di dosso, RW3 decide che è il momento di prendere per mano la squadra, nell’azione seguente al sack Wilson trova il suo omonimo Wilson e Seattle si porta a ridosso delle 5 yard nel territorio Panthers, schema classico, palla a Lynch e touchdown!!! (schema che forse avrebbero dovuto adottare anche in quell’ultima azione che è costata il Lombardi Trophy a Carroll e soci) Seattle di nuovo avanti 10-7. Dopo l’esplosione degli ultimi drive, la partita riprende i binari di ”noiaville” fino all’intervallo lungo con i padroni di casa saldamente in vantaggio.

Il terzo quarto inizia con il botto per Seattle, Wilson trova Graham che riceve un passaggio di 27 yard, che proietta i Seahawks sulle 40 avversarie, nemmeno il tempo di capire cosa sta succedendo per gli uomini di Rivera che Pete Carroll ne inventa una delle sue, I formation, sembra una semplice ”pitch” per il Lynch che riceve e si sposta sulla destra, dopo un paio di yard improvvisamente ripassa la palla a Wilson che ha tutto il tempo necessario per sparare un missile terra-aria direttamente in end zone, nonostante l’ottima copertura di Kurt Coleman, Ricardo Lockette fa quella che probabilmente sarà una delle ricezioni della Top 10 di ESPN di questa stagione!! Ammetto di essere saltato sul divano mentre guardavo la partita in diretta, pur non essendo tifoso di Seattle!! Assurdo, incomprensibile, logisticamente impossibile…!!! Con questo 1-2 Seattle si ritrova a comandare per 17-7, Carolina sembra spaesata, confusa, come un pugile che sta per crollare sotto i colpi del suo avversario.

Un altro durissimo ”fendente” lo infligge il solito Canchellor, che intercetta un lancio indirizzato a Ted Ginn jr. Sembra calare il sipario sulla partita, ci pensa anche Hauschka ad infierire, con un field goal che fissa il punteggio sul 20-7.

Quando ormai mancano pochi minuti alla fine del terzo quarto, i Panthers hanno una reazione d’orgoglio, Newton imbecca Olsen che viene fermato a due yard dal ”paradiso” e nel drive susseguente per Stewart è un gioco da ragazzi realizzare il touchdown che porta un po’ di ossigeno a Carolina!! Ma l’attacco di Seattle sembra davvero troppo irresistibile quest’oggi, anche per la poderosa difesa di coach Rivera.

Quando meno te l’aspetti a poco più di due minuti dalla fine del quarto, Wilson subisce un sack da parte di Short, ancora nessun tifoso di Seattle sa che quello sarebbe stato l’inizio di un incubo, l’ennesimo!! Newton dalle 35 yard trova il solito, immenso Greg Olsen, lasciato incredibilmente solo in mezzo alla end zone dalla ”Legion of Boom”, Seattle è in balia totale!! Divario che si riduce ulteriormente, dopo l’extrapoint di Gano, si chiude il terzo quarto sul parziale di 20-14 per i padroni di casa.

Ultimi 15 minuti di football al CenturyLink Field, ogni tifoso locale sa che il vantaggio di 6 punti non è molto rassicurante, soprattutto dopo la veemente reazione dei Panthers. Tocca all’attacco di Seattle iniziare, Wilson prende coraggio e spara sotto pressione un lancio per un ritrovato Jimmy Graham che esce a ridosso delle 30 avversarie, lo stadio esplode dopo aver trattenuto il fiato per qualche minuto, la paura sembra attanagliare meno i rumorosissimi tifosi verdeblù, ma T.Davis placca Wilson e ci deve penare Hauschka con un field goal.

In sordina si arriva a metà quarto, dove Newton pesca il jolly nemmeno a dirlo con Greg Olsen, che dopo aver ricevuto sulle 32 avversarie, esplode in una corsa che termina al limite della end zone, cala un silenzio irreale mentre Stewart porta l’ennesimo pallone in touchdown!! Gano realizza il punto aggiuntivo e Carolina è sempre li, 23-20 a meno di 4 minuti dalla conclusione.

Wilson tra un incompleto e l’altro trova il tempo di guadagnare un paio di yard, che però vengono vanificate dal ”holding” di Lynch. Si va al punt e Carolina inizia dalle proprie 20, con 3 punti da recuperare, Rivera si affida ad un drive collaudato, quando mancano 36 secondi è sempre il TE Olsen l’obbiettivo di Newton, lancio di 26 yard, secondaria di Seattle totalmente in ritardo e touchdown Carolina!!!!! La rimonta è servita!! Seattle è di nuovo sotto dopo essere stata in vantaggio per tre quarti e mezzo, punteggio 23-27 e rimarrà tale fino alla fine, ci prova Wilson ad inventare qualcosa ma è tutto inutile!! Seattle perde una gara rocambolesca, squadra e tifosi sono completamente sotto shock!! Di tutt’altro umore Rivera ed i suoi, che mantengono l’imbattibilità ed espugnano un terreno di gioco che nelle ultime stagione era stato avaro di soddisfazioni.

Sulle ali dell’entusiasmo i Panthers riceveranno gli Eagles, mentre i Seahawks saranno ospiti giovedì notte dei 49ers reduci dalla vittoria contro i Ravens, altra squadra allo sbaraglio. Siamo solo alla 7a giornata, ma ogni tifoso di Carolina è autorizzato a sognare.

 

– Pier –