NFL Week 7 Recap- Tennessee Titans vs Atlanta Falcons

Questa settimana non leggerete il mio classico recap posizionale, bensi un’intervista ad uno dei più attivi ed esperti tifosi dei Titans in Italia: Gaetano Cristian Ruvio, fondatore con il sottoscritto della pagina FB “NFL Tennessee Titans fans Italia“.
Gaetano aiuterà chi come me non ha potuto vedere la partita a capire cosa non ha funzionato ieri sera, quando i Titans sono stati sconfitti dai Falcons per 7-10.

-Ciao Gaetano! Innanzitutto dicci, ti sembra un risultato giusto questo magro 10-7?
Ciao Renato, si senza dubbio!!! Tennessee ha incredibilmente faticato a chiudere i 3zi Down, non riuscendo quasi mai a muovere la catena per portare la squadra in RedZone. Di contro i Falcons, si sono affidati a Julio Jones che spesso ha tolto le castagne dal fuoco, ma che grazie all’ottima giornata  delle Defense dei Titans sul Passing game, ha fortemente tenuto il campo, nonostante l´assenza di Perrish Cox e l´infortunio di Jason McCourty maturato durante il match

-Cosa non ha funzionato in attacco, per i Titans? Quanto ha inciso l’assenza di Mariota?
Non ha funzionato il gameplan affidato a Zach Mettenberger, dove ancora una volta si son viste chiamate fuor di logica. Nonostante in campo ci fosse il prodotto di LSU, che ci ha deliziato in alcuni snap con delle bordate da mascella spalancata e nonostante il suo punto di forza siano le deep pass, mai abbiamo approfittato in situazioni di 3&Long, mai delle torri Hunter e Green –Beckham ma, al contrario,  si sceglie di lanciare sulla short release dopo il blocco del RB o del TE. Lascia l´amaro in bocca non aver approfittato della giornata di grazia di  Dexter McCluster e di Antonio Andrews, che hanno corso con molta costanza, come non si vedeva dai tempi di CJ2K.

-E in difesa?La Difesa è stata eroica  soprattutto nell’ultimo quarto quando, per ben 3 volte, ha impedito ai Falcons di chiudere il match e ha ridato la Duke in mano a Mettenberger per provare il ribaltone finale. Ha sofferto molto le corse di Davonta Freeman, ma non si può che applaudire per aver contenuto Jones, nonostante la mancanza dei 2 CB titolari.

-Cosa avresti cambiato nella gestione della partita, tatticamente parlando?
 Avrei cambiato il gameplan sconclusionato dell´offensive coordinator che non ci permette di esprimere il nostro reale valore.

-Demeriti dei Titans o bravura dei Falcons?
A mio avviso, senza dubbio in questo match i demeriti sono interamente da affibbiare a chi prende le decisioni in campo, quando scende la offense. Mettenberger ha tenuto bene il campo, soprattutto grazie anche alla poca pressione scaturita dalla D dei Falcons. Quando ha giocato sul medio-lungo ha fatto vedere sicuramente la sua stoffa, purtroppo sbagliando il drive della vittoria con un intercetto grossolano che lo terrà insonne per molto tempo. Atlanta non e´ di certo stata la stessa squadra spietata sia in attacco che in difesa vista durante la Pre-Season o nelle week precedenti. Sicuramente ci puo´ stare che affrontando una compagine sull´orlo del baratro, si scenda in campo con meno fame e che questa alla lunga possa costarti cara ma non e´ stato questo il caso.

-Chiudiamo con il tuo MVP e peggior giocatore per i Titans!
L´MVP a mio avviso e´ stato senza dubbio Dexter McCluster,autore della sua miglior prestazione con Tennessee sino ad ora, a mio parere: sgusciante portando palla in power run (non suo compito), ha deliziato con le sue spin move quando lanciato nella slot, risultando praticamente inarrestabile ai danni della distratta DL di Atlanta. Il peggiore dei nostri mi verrebbe da dire sicuramente l´offensive coordinator, ma tirando in causa chi ha veramente calcato il campo, direi proprio Justin Hunter, quando ad inizio partita su un ottima lettura di Mett, droppa un pallone facile facile e sul drive finale sbaglia il catch che ci poteva portare a sperare nella W.

Resoconto finale:
Ciò che risulta molto chiaramente da questa “intervista” e dalla lettura del punteggio è che ciò che continua a funestare la squadra di casa in Tennessee sono le chiamate di coach Whisenhunt, capace di buttare via una prestazione di prim’ordine della propria difesa. Magari Mariota in campo non avrebbe fatto la differenza, ma la gestione della partita da parte dei piani alti probabilmente avrebbe fatto perdere anche lui. Come detto già in diverse occasioni dopo le numerose (4) sconfitte dei Titans maturate per pochissimi punti, è giunta l’ora per Whisenhunt di fare i bagagli, per il bene della squadra e del football in toto.