Week 8: Baltimore Ravens vs San Diego Chargers

Finalmente si torna alla vittoria, certamente sofferta, ma rimane comunque una vittoria. I Baltimore Ravens escono vincenti con una ottima performance in attacco e, a mio modo di vedere, anche della secondaria visti i problemi di pass rush che continua ad affliggerci. Considerando come gli avversari hanno sempre bastano i Ravens con il passing game in questa stagione, uscirne vincitori contro il miglior attacco della lega nel passing game è sicuramente la cosa migliore che ci potesse essere. Analizziamo ora i vari reparti per capire come è stata la partita.

 

OFFENSE

 

Quarterback: Voto A-

Prestazione assolutamente ottima di Joe Flacco, ottime scelte di lanci, lanci accurati per un totale 25/37 per 319 yard e 1 TD, soprattutto 0 int in quanto non è finito sotto pressione nei momenti chiave, evitando così di dover scaricare troppo in fretta il pallone ed in malo modo. Alla fine la sua partita risulta migliore di quella del suo avversario, l’unica critica che si può muovergli contro è il fatto che pecca un po’ di precisione in redzone, non riuscendo a completare dei pass e costringendo la squadra al calcio, terminando il drive con il contentino. Fosse stato più lucido e freddo in redzone, regalando così un paio di TD in più, la sua prestazione sarebbe stata da massimo punteggio.

 

Runningback: Voto C-

Continuano a rendere davvero poco. La colpa è sicuramente di Marc Trestman di questo scarso rendimento, ma bisogna chiedersi se il vero motivo di questo abbassamento di livello è dovuto solo alle chiamate fatte o se dovuto anche alla modifica delle impostazioni dei blocchi, e degli assegnamenti, della Linea di attacco. Alla fine i runningback corrono davvero poco, sia in termini di portate sia in termini di yard guadagnate, corrono solo centralmente e una volta che le difese lo capiscono, i blocchi fanno fatica a svilupparsi. Impossibile quindi eleggere un migliore del reparto, perché effettivamente non c’è, ma non è nemmeno corretto dire che hanno giocato male, visto che la scarsa produzione non attribuibile a loro, almeno non come principali artefici.

Best Player: nessuno

Worst Player: nessuno

 

Receiver: Voto A+

Tutti riescono a rendere molto bene in questa partita, specie il FB Kyle Juszczyk che si rende protagonista di una ricezione da 39 yard e Javorius Allen anche lui con 3 ricezioni per 30 yard dove ha dimostrato anche delle ottime doti in fase di ball carrying dopo la ricezione, riuscendo in paio di occasioni ad evitare il primo placcatore. I wide receiver si fanno trovare preparati come sempre, specie nel momento in cui Steve Smith SR è costretto ad uscire per la rottura del tendine di Achille al piede destro, decretando il passaggio di Kamar Aiken al ruolo di WR1 senza deludere. Ottimo apporto da Chris Givens, che all’aumentare del numero di snap giocati, migliorano anche le sue prestazioni, specie nel gioco profondo per il quale è stato acquisito. Poco utilizzati i TE per i ricevere in questa partita, specie Crockett Gillmore, anche se nelle uniche 2 volte in cui gli è stato chiesto di ricevere, ha segnato l’unico TD su pass della partita dei Ravens. Il reparto in generale dimostra comunque di essere affidabile e questa notizia è davvero buona, visto il gioco di corse asfittico.

 

Best Player: Steve Smith SR (5 rec, 82 yard) Voto A

Gli manca il TD per inanellare l’ennesima superba prestazione, tenendo conto che si è trovato costretto ad uscire per infortunio, è probabile che il numero di yard guadagnate e di ricezioni, sarebbe sicuramente aumentato. Molto probabile anche il TD.

Worst Player: nessuno

 

OFFENSIVE LINE: Voto B

Prestazione discreta, ma niente di eccezionale. Di questa linea di attacco abbiamo visto partite nettamente migliori. In run block faticano e qui spunta la domanda che ci siamo posti sopra riguardo agli assegnamento, visto che gli uomini sono praticamente gli stessi dello scorso anno, ma in questa partita i problemi si sono visti anche in pass protection, dove i componenti di reparto non sono riuscire a proteggere Flacco come al solito. I sack concessi sono ben 3, tenendo conto anche del backup QB che ci si trova in panchina (Matt Schaub), questo numero deve sempre essere zero, esattamente come zero deve essere il numero di knockdown. Insomma, c’è molto da rivedere di questo reparto e sfruttare al meglio la bye week per cercare di migliorare e recuperare gli infortunati.

Best Player: Kelechi Osemele Voto A+

L’unico a non concedere nemmeno una QB hit o QB hurries di tutta la linea.

Worst Player: James Hurst Voto F

Assolutamente il peggiore. Concede 3 QB hurries e soprattutto 2 sack. Un peccato perché quando sostituì Eugene Monroe lo scorso anno, fece bene. Forse sarebbe meglio mettere Ricky Wagner a sinistra e lui nel suo ruolo naturale a destra e vedere cosa succede.

 

DEFENSE

 

Front 3: Voto B+

Discreto lavoro fatto da questo reparto… Bloccano bene le corse di Melvin Gordon, senza mai permettergli corse con grandi guadagni, oltre a riuscire ad aprire i varchi per gli ILB che spesso arrivavano dietro la linea di scrimmage a placcare il RB. Poco da dire di questo reparto che è l’unico che riesce a mettere in difficoltà i QB avversari (anche se non sempre) nelle varie partite.

Best Player: Timmy Jernigan (2 tackles, 1 sack) Voto A

Spinge tantissimo sulla linea avversaria e l’unico sack arrivato nella partita è il suo. È fondamentale nell’impegnare l’avversario per creare la strada a Daryl Smith e CJ Mosley.

Worst Player: nessuno

 

Linebackers: Voto A-

Placcano qualsiasi cosa gli passi a tiro con la palla. Sono determinanti sia contro le corse che contro i receiver che passano nella loro zona. L’eccellenza viene mancata solo per via di una pass rush poco efficiente di questo reparto che è riuscito a ben figurare nel resto.

Best Player: Daryl Smith (14 tackles, 7 ast) Voto A+

Praticamente onnipresente in campo. Qualsiasi cosa gli passi vicino con in mano la palla, finisce a terra.

Worst Player: Courtney Upshaw (1 tackle, 1 ast) Voto F

Che come rusher valesse poco lo sapeva, ma ad ogni partita che passa il disgusto che provo nel vederlo attaccare il QB avversario aumenta. Il run stop, vera qualità di questo giocatore, sembra essere sparito. Probabilmente per via del diverso impiego quest’anno, ma dire che sta giocando male è quasi un complimento.

 

Defensive Backs: A+

La loro miglior partita a mio modo di vedere. Riuscire a limitare a 301 yard il miglior attacco della lega sui pass, in grado di produrre più di 360 yard di media con i pass prima di questa partita, è un buonissimo risultato, soprattutto perché, delle 301, 70 sono arrivate con una unica ricezione da TD il che vuol dire che Philip Rivers, probabilmente 301 non le avrebbe viste senza quella. Questo è stato davvero l’unico errore della secondaria, quel cambio di marcatura avvenuto in ritardo su Malcolm Floyd, in quanto le altre 2 ricezioni da TD sono state davvero delle autentiche magie degli avversari, vista l’ottima copertura e il fatto di essere vicini alla sideline e questi 2 fattori alzano notevolmente il coefficiente di difficoltà della ricezione (specie quella di Keenan Allen addirittura in doppia copertura). Non provano mai a forzare un TO cercando di intercettare la palla, preferendo concedere le ricezioni sul corto senza permettere guadagni extra. Sistema che ha funzionato in modo più che degno.

Best Player: Tutti. Considerando la scandalosa pass rush, sono costretti a dover fare gli straordinari.

Worst Player: nessuno

 

SPECIAL TEAM

 

Negli special team c’è un solo nome da dire: Justin Tucker. Non sbaglia un field goal specie quello della vittoria. Prestazione monumentale la sua. Sam Koch deve calciare solo 2 volte e calcia molto bene, riuscendo con un punt a far ripartire dalle 2 yard l’attacco avversario.

 

COACHING STAFF

 

Offensive coordinator: Voto B+

Ogni partita che passa le chiamate migliorano, specie la gestione dei minuti finali e dell’ultimo drive. Deve migliorare le corse: in questa partita ne ha chiamate un buon numero, ma non riescono ad essere efficaci con costanza. Aspetto in cui deve far migliorare l’attacco.

 

Defensive coordinator: Voto B

Seppur ottima la prestazione della secondaria, il voto è basso per via della sua capacità di non riuscire a creare una pass rush senza determinati giocatori. Se non fosse per la secondaria, non solo il suo voto sarebbe stato insufficiente, ma avremmo anche perso la partita.

 

MVP: Justin Tucker e la secondaria.