Lions Week #10: Viaggio della speranza in Wisconsin edizione 2015

Dopo un’interessante settimana di bye, i Lions ripartono ben riposati e pronti per affrontare…

I Green Bay Packers

A casa loro.

L’ennesimo viaggio della speranza al Lambeau Field per provare a spezzare 24 anni di digiuno è bel modo per ripartire di slancio sull’ 1-7, vero? (sigh!)

Ma andiamo con ordine…

I meri fatti

Domenica 15 Novembre alle 1 PM Americane (le 19 ora Italiana) al Lambeau Field (Green Bay). Diretta Sky su Fox Sport HD.

 

I Green Bay Packer sono 6-2 (striscia di due sconfitte).

I Lions sono 1-7 (striscia di due sconfitte).

Secondo le statistiche di NFL.com, Green Bay ha ad oggi il 25° attacco del campionato e la 23° difesa.

I Lions hanno il 26° attacco e la 26° difesa…

Il DVOA di football outsiders ci rincocilia col mondo della statistica mostrando l’attacco di GB al 5° posto e quello di DET al 29°, nonché la difesa Packers all’11° posto e quella dei Lions al 31°1.

 

Presentiamo Green Bay

La squadra capitanata dal fortissimo Aaron Rodgers non sta vivendo un momento bellissimo ed è reduce da due sconfitte.

Prima contro i Broncos, la cui difesa è riuscita nell’ardua impresa di limitare uno dei QB più forti del mondo a 77 yarde totali.

Poi domenica scorsa, i Panthers hanno sfruttato i problemi dei Packers (in particolare della secondaria) per mettere insieme 37 punti che si sono mostrati sufficienti a resistere ad una paurosa rimonta finale di Rodgers e compagnia.

I problemi per GB sembrano partire da una carenza di bersagli offensivi ( Randall Cobb deve cantare e portar la croce, Eddie Lacy ha chiari problemi di forma2), nelle ultime tre partite il 36% dei drive delle teste di formaggio si è concluso con un tre e fuori mentre il tasso di conversione dei terzi down è calato al 34%.
La difesa sta facendo del suo meglio ma non riesce a sopperire a questi problemi ( e iniziare una partita dimenticandosi che Cam Newton può correre come un Running Back non depone a favore).

Per fortuna domenica, troveranno i Lions. Una squadra degna avrebbe potuto metterli ancora provare a metterli in difficoltà…

(Se volete saperne ancora di più, il podcast del Packers Italian fans network è un’ottima fermata).

 

Lato Lions

Infortuni

Rientrando dal bye la squadra appare abbastanza sana.

La grana più grossa riguarda Rashean Mathis che, dopo aver subito un brutto colpo contro i Vikings, è stato vittima di una commozione cerebrale non immediatamente diagnosticata.

A causa di questo infortunio, il veterano CB ha dovuto saltare la partita con Kansas City ed è molto in dubbio la sua presenza domenica.

Ma soprattutto questo ennesimo problema getta ulteriori dubbi sui protocolli preventivi della lega su un tema così delicato per la salute di suoi atleti. Mathis ha subito il colpo nel primo tempo della partita, è stato esaminato e ha concluso la partita con una commozione cerebrale e un rischio assurdo per la propria incolumità.

Una cosa assurda.

Per il resto, limitati CJ (caviglia) e Travis Lewis ma entrambi dovrebbero giocare domenica.

 

la situazione

Con ormai tre settimane dai cambiamenti dello staff offensivo, si dovrebbe iniziare a vedere se la cura della coppia Cooter/Prince ha un qualche effetto.

Richiesto di un parere Stafford ha risposto:

“Matthew Stafford said he doesn’t think the average fan will notice any difference in the Lions’ offense under Jim Bob Cooter”

Vi risparmio il sarcasmo su twitter per la sciagurata dichiarazione ma onestamente si spera di vederli un po’ di cambiamenti almeno nella diminuzione degli errori mentali e dei blitzer liberi ma forse anche questo è chiedere troppo. Cooter comunque ha dichiarato di voler insistere sul gioco di corse e ciò male non sarebbe.

Dall’altro lato del pallone, per la difesa non si prevedono cambiamenti di rilievo quindi si presume che Stark (che prenderà il ruolo di primo back dopo una prestazione da 1TD e 36 yarde su 7 portate) passeggerà sulle spoglie della linea difensiva, aprendo il gioco di lanci per un redivivo A-rod.

Nella conferenza stampa del giovedì, Teryl Austin ha affermato che la sua difesa se la cava sui primi Down e ha grosse difficoltà sui secondo e lungo e sui terzi down. Inoltre alla squadra serve miglior copertura sui lanci e non generano abbastanza sack.

Un po’ come dire che ha scoperto l’acqua calda, l’importante sarebbe trovar qualche sistema per ovviare a questi problemi (un buon metodo sarebbe togliere due/anni ai linebacker ma non credo si possa) ma su questo fronte dobbiamo aspettare.

In tutto questo, c’è pure da sperare che le voci di mercato (“Stafford e Johnson avranno posto nei Lions del futuro?”, “Chi prende le decisioni a Detroit?”), non destabilizzino la squadra anche se il solito Caldwell sostiene di avere i suoi metodi per mantenere i giocatori concentrati e i giocatori stessi appaiono sostenere compatti il loro HC nella tempesta.

In ogni caso, è un divisional (quindi tutto può accadere) e i Lions si giocano le residue speranze di mettere a segno qualcosa di buono in questa stagione disgraziata.

In più potremo contare sulle preghiere dei tifosi Vikes che assaporano dopo tanto tempo il sapore del primo posto nella division3…

 

Pronostico

Nel 1991, quando i Lions per l’ultima volta espugnarono il Lambeau Field, al cinema usciva Hook con il compianto Robin Williams nella parte di un invecchiato Peter Pan.

Ventiquattro anni dopo, al cinema esce Pan, una nuova versione del capolavoro di Barrie in un risplendente 3d.

Coincidenza?

Credo proprio di si…

Sarà un miracolo già evitare l’ennesimo disastro totale globale.

Lions 16 – Packers 34

1. tra parentesi, per lo stesso sito la possibilità dei Lions di arrivare ai Playoff è già dello 0.0% Unica squadra in questa situazione. Son soddisfazioni…
2. Qualcuno parla di sovrappeso ma non sembra Nick Farley 2013 edition.
3. tra parentesi, nessuno nota qualche somiglianza tra i Lions 2014 e i Vikings 2015? Due squadre con un’ottima difesa ed un attacco sufficiente a portare in fondo le partite…

 

[Emanuele Bruni – I Soliti Lions]