Giants ed infortuni, la storia continua

Ortopedici di tutto il mondo riunitevi. A New York, sponda Giants, c’è lavoro per tutti. Per due anni di fila i Giants hanno guidato la lega per numero di partite saltate dagli starter causa infortunio, quest’anno con ogni probabilità sono riusciti a proseguire in questo poco invidiabile primato. Sfortuna tanta, ma così tanti infortuni non possono essere un caso. Sì è fatto molto per cercare di migliorare la situazione, grazie all’aiuto della tecnologia ed al cambio dei programmi di allenamento. Non è servito a nulla. Il risultato è che a fine stagione, per riempire i 53 posti del roster, si è dovuto ricorrere a vecchie glorie, scarti e giocatori mai sentiti prima. I risultati, per la terza stagione consecutiva, sono sotto gli occhi di tutti (anche se la scusa degli infortuni, che comunque ha la sua importanza, non basta per giustificare una stagione così negativa).

 

Ma quante partite hanno saltato gli starter nella stagione che i Giants si sono appena lasciati alle porte? Questo il resoconto, reparto per reparto.

 

[per starter infortunato si intende un infortunio occorso nel momento in cui questo giocatore era primo nella depth chart del rispettivo ruolo, ndr]

 

QB (totale assenze: 0)

Ancora una volta Eli Manning si conferma l’highlander del team. Incredibile come riesca a salvarsi ancora una volta dell’ecatombe che lo circonda. Partite saltate in carriera per infortunio? Zero.

RB (totale assenze: 0)

E con questo si esauriscono i reparti che non hanno subito defezioni. Se pensate che fin qua vada tutto bene, aspettate il resto.

FB (totale assenze: 2)

Il nostro fullback è stato uno degli ultimi a cadere, ma alla fine anche lui si è dovuto arrendere. A fermare Nikita Whitlock è stato un infortunio al ginocchio.

WR (totale assenze: 17)

Sul totale pesa l’infortunio di Cruz (IR), costretto a saltare tutta la stagione per un infortunio al polpaccio che segue il terribile infortunio al tendine rotuleo. Dwayne Harris, promosso titolare al suo posto, si ritrova invece a saltare l’ultima partita della stagione per un infortunio alla spalla.

TE (totale assenze: 8)

Otto assenze, tutte per il titolare Larry Donnell (IR), costretto a rinunciare a tutta la seconda metà di stagione a causa di un infortunio al collo.

OL (totale assenze: 27)

Il più assente è Will Beatty (IR), il LT titolare, che salta tutta la stagione dopo essersi infortunato ad un muscolo pettorale prima ed alla cuffia dei rotatori poi. Segue Geoff Schwartz (IR), RG, che salta le ultime cinque partite stagionali in seguito alla rottura della caviglia. Due le assenze per Ereck Flowers, promosso LT per l’infortunio di Beatty, a cui va dato il merito di aver giocato tutta la stagione facendo leva su una caviglia decisamente malconcia. Una partita saltata a testa anche per l’LG Justin Pugh ed il C Weston Richburg. Due invece le partite saltate anche dall’RT Marshall Newhouse. Insomma, non si è salvato nessuno.

DL (totale assenze: 25)

Tutti sanno del terribile infortunio occorso alla mano di Jason Pierre-Paul, costretto a saltare le prime otto partite stagionali. Ma anche lui gode di buona compagnia. Sette sono infatti le partite saltate da una delle stelle della squadra, il DT Jonathan Hankins (IR). Sei invece le assenze del suo molto meno forte collega Markus Kuhn (IR). Completano la lista le quattro assenze di Robert Ayers Jr, DE opposto a JPP.

LB (totale assenze: 20)

In nessuna partita i Giants sono riusciti a schierare il loro terzetto titolare. Il MLB Jon Beason (IR) salta le prime due partite e le ultime otto, il fortissimo Devon Kennard (IR) ne salta sei, infortunandosi in mille modi diversi, e non è da meno JT Thomas (IR), che di partite invece ne salta quattro.

CB (totale assenze: 6)

Dopo la mattanza negli altri reparti, le sole sei assenze in questo sembrano quasi un dato positivo. Cinque le assenze per Prince Amukamara, infortunatosi ad un muscolo pettorale, una per Dominique Rodgers-Cromartie.

S (totale assenze: 33)

La FS titolare da opporre a Collins sarebbe dovuta essere Nat Berhe (IR). Ovviamente il ragazzo è finito in IR ad agosto. A questo punto a sorprendere tutti è stato Bennett Jackson (IR), CB trasformato Safety, ha impressionato tutti gli addetti ai lavori durante training camp e pre-season. Ovviamente anche lui è finito in IR prima dell’inizio della stagione (così come a finire in IR ad agosto è stato il suo backup Mikkele Thompson, però nel conteggio entra solo chi si è infortunato mentre guidava la depth del ruolo). Condisce il tutto l’assenza di Craig Dahl, ritrovatosi in qualche modo titolare, nell’ultima partita della stagione.

 

Non entrano nel conteggio gli infortuni ai titolari degli special team, ma vale la pena segnalare l’ingresso in IR a quattro giornate dal termine di Zak DeOssie, LS titolare, e quello ad una giornata dal termine del suo sostituto, Danny Aiken.

 

TOTALE PARTITE SALTATE DAGLI STARTER: 138

MEDIA A PARTITA: 8.6

 

Completano l’IR:

Danny Aiken LS

Justin Currie SS

Zak DeOssie LS

Daniel Fells TE (una partita da starter)

Marcus Harris WR

Brett Jones C

James Morris OLB

Brandon Mosley G/T

Owa Odighizuwa DE

Mykkele Thompson FS