Meet Bob Quinn: 6 punti (+2) dalla conferenza stampa del nuovo GM Lions.

Bob Quinn ha avuto oggi la sua conferenza stampa introduttiva come GM dei Lions, non faccio un sunto ma ecco a voi alcuni punti importanti, a mio modesto avviso:

  1. Quinn avrà anche il ruolo di Executive VP (quindi il completo controllo delle operazioni lato football) e, contrariamente alle prime indiscrezioni, risponderà direttamente a MFF. Per il contratto si parla di cinque anni.
  2. Ancora non è stata presa una decisione su Caldwell. Quinn ha detto che si sono presentati e che approfondirà la conoscenza appena possibile, valutando non solo l’ultima stagione ma tutta la sua carriera. Sicuramente meglio di un licenziamento in tronco per l’attuale HC anche se non tutto depone a suo favore.
  3. In particolare, il tono con cui Quinn ha parlato di Stafford è stato ben differente. “Stafford è il QB che vogliamo qui in futuro” e che la decisione sull’allenatore verrà influenzata dal colloquio con lui e altri, tra cui CJ.
  4. A proposito, di Calvin Johnson, second Quinn le prime settimane subito dopo la fine della stagione sono il momento sbagliato per mettere pressione su un giocatore. Conta di parlarci “Quando sarà il momento”. Non posso dire di dissentire.
  5. Quinn ha dichiarato di non aver intenzione di fare copia/incolla con i Patriots ma di voler sviluppare un’identità nostra.
  6. Deo gratias, Quinn non ha esordito dicendo che vuole vincere e vincere ora o promettendo titoli. Vuole vincere, ovvio, ma senza far promesse che magari non potrebbe mantenere e sapendo che altre 31 squadre si pongono lo stesso obbiettivo ogni anno. Il che lo fa già apparire diverso (er più furbo) dai suoi predecessori.


Ora, per un paio di giorni si può sperare che la situazione si calmi, mentre i proprietari sono all’incontro che deciderà chi torna a Los Angeles (Rams e Chargers ad Inglewood, ci gioco un eurocent) poi vedremo cosa porterà il futuro per Detroit.

Per ora, aspettiamo ma intanto:

Punto +1: Grazie Mrs. Firestone Ford, per aver portato finalmente una boccata d’aria fresca! L’accento di Boston di Quinn si sente e non dispiace!

Punto +2: Quinn ha dichiarato di avere tollerenza zero per la violenza domestica e le armi pericolose. Non credo che andremo in trattativa per Adrian Peterson o Greg Hardy. E non mi spiace manco un po’.

-Emanuele-