Giugno 1986

Ancora una puntata con i maremmani, con i punti… di sutura dei ragazzi del paisà Louie Giammona, Bonazinga in testa.

La regular season si chiude 6-4 e i Gladiatori entrano nei playoff. L’avversario dello scontro dentro-fuori del primo turno di post season ha chiuso la fase a girone con un 8-1-1 esibendo uno sfavillante corridore americano e una squadra solida in tutti i reparti.

I Warriors, dopo lo 0-0 iniziale con i Doves, hanno via via impressionato (48-0 e 65-0 con i Vikings, 28-6 Seamen, 28-0 Skorpions, 71-0 e 62-0 Rams) con Wesley Williams e Giorgio Longhi difficilmente contenibili.

I Gladiatori affrontano i bolognesi in trasferta (campo Lunetta Gamberini) cercando di rimanere in partita il più a lungo possibile: la forza del running team di casa dirà 13-0 alla fine del primo quarto e 27-0 alla fine del secondo; alla fine del terzo periodo il parziale sarà a quota 35-0.

Un buon lancio di Loprencipe (per lui 145 yard in partita) permette a Malpica di segnare i punti della bandiera. Si chiude con un severo 56-6.

I Gladiatori sono arrivati alla post season affrontando le due squadre che alla fine della stagione disputeranno il Superbowl italiano: una vittoria (contro gli Angels) e una sconfitta. Non male, dopotutto l’anno scorso giocavano in serie B.

Tra i commenti del dopo partita registriamo: “Una immensa potenza offensiva e un’ottima difesa” (Loprencipe); “Sapevamo esattamente cosa dovevamo fare in difesa. Nonostante questo i nostri avversari sono stati molto bravi e sono riusciti a concludere le loro iniziative.” (Bob Silvetz).