Saints @ Cowboys: Le Pagelle [NFL Week 4]

Delusione, sconforto, rabbia. Queste sono le sensazioni che si provano dopo aver visto una partita del genere, definita da molti giornalisti locali come una delle peggiori sconfitte nell’era di Sean Payton. Che poi già chiamarla partita è un complimento visto che i Saints sono rimasti negli spogliatoi per tutto il primo tempo. Avevamo la possibilità di andare sul 2-2 e condividere il primo posto della South con Carolina e Atlanta e ci ritroviamo 1-3, lo stesso record di Tampa Bay. Lode ai Cowboys che hanno dominato la partita grazie ad una ricetta molto semplice: controllare il tempo di possesso palla + vincere la battaglia dei turnover  (Dallas ha avuto la palla per quasi 35 minuti e ha forzato 3 turnover).

ATTACCO

Drew Brees 4

Mai visto un Brees così. Chiudere il primo tempo con 0 punti è grave considerando il potenziale offensivo di questa squadra. Poi nel momento in cui ce n’è meno bisogno, quando la squadra ha bisogno di ripartire e segnare per non far scappare gli avversari arriva l’intercetto, ormai un classicone del repertorio di Brees fuori casa. Passaggi sbagliati, decisioni che solo Dio sa cosa gli passava per la mente. Che incubo.

Wide Receivers 5

Riescono a creare poca separazione dai defensive back avversari e soffrono tremendamente un Brees fuori sync per buona parte della partita.

Marques Colston 5

Ancora qualche drop imbarazzante, chiude con un anonimo 5 ricezioni per 50 yard.

Brandin Cooks 5

Si fa vedere poco, complice una giornata nera per l’attacco, e porta a casa un misero bottino da 31 yard.

Kenny Stills 5

Compare solo nel terzo quarto con due catch ravvicinate da 16 e da 46 yard, poi torna nell’ombra.

Tight Ends 5,5

Jimmy Graham 5

Con i ricevitori in palese difficoltà tutti i palloni vanno a lui ma è troppo tardi e Dallas gioca già una zona soft quando Graham comincia a macinare yard. Come se non bastasse ha sulle spalle un fumble pesante che ha ammazzato un buon drive.

Josh Hill 6

Chiamato in causa una sola volta risponde presente e segna il primo touchdown della serata per i Saints. NELL’ULTIMO QUARTO.

Ben Watson S.V.

Running Backs 5

Khiry Robinson 5

Se escludiamo la corsa da 62 yard (arrivata troppo tardi, nell’ultimo quarto di gioco) Robinson non arriva assolutamente vicino alla sufficienza. La linea d’attacco fa fatica e lui soffre. Mezzo voto in più perchè una corsa da 62 yard di un running back di New Orleans non si vedeva da secoli.

Pierre Thomas S.V.

2 portate per 8 yard dovrebbe già far capire che brutta serata è stata.

Travaris Cadet 5,5

Buona prestazione per Cadet, utilizzato molto poco finora, che rovina tutto con un fumble finale che spegne anche l’ultimo, piccolissimo barlume di speranza. Ha rischiato di fare un bel big play ma il passaggio di Brees sembrava uno dei miei al campetto, peccato.

Offensive Line 4

Terron Armstead esce (trauma cranico) e Bryce Harris, il rimpiazzo, dimostra da subito che non è il suo lavoro fare il left tackle. Confusione totale, non è possibile concedere un sack quando Dallas mette pressione con solo tre uomini. Non fanno schifo nell’ultimo quarto ma, come già detto, era ormai troppo tardi e i Cowboys non avevano nemmeno bisogno di portare troppa pressione.

DIFESA

PER PIETA’ NON METTO I VOTI AI SINGOLI GIOCATORI.

Defensive Line 2

Quest’anno non ero ancora sceso sotto il 4 ma dopo una partita del genere mi trovo costretto a farlo. Kudos to Dallas (come dicono gli americani) perchè la loro offensive line è veramente tanta roba, aprono varchi per le corse e danno a Romo tutto il tempo necessario per completare qualsiasi tipo di passaggio. Noi facciamo le belle statuine e guardiamo mentre loro fanno quello che vogliono.

Linebackers 3

Lofton e Humber a.k.a. il burro: Demarco Murray chiude con 149 yard e due touchdown, entrambi segnati senza che NESSUNO dei nostri lo toccasse. Blitzano con zero efficacia, merito anche dell’ottima protezione di Dallas. Junior Galette vs. Tyron Smith è una sfida a senso unico, Haralson non pervenuto come sempre.

Defensive Backs 4,5

Keenan Lewis (quasi) si salva visto che ha tenuto a bada Dez Bryant per tutta la partita, peccato per la brutta copertura nel finale che permette a Bryant di segnare ma ormai la partita era già andata. Jairus Byrd sta progredendo, la schiena è guarita quasi del tutto ormai: speriamo continui a migliorare. Se volete farvi del male guardate Vaccaro vs. Jason Witten e soffrite. Se siete proprio amanti del sadomaso e dell’orrido guardatevi anche Corey White vs. Terrance Williams ma andateci piano, sono immagini forti e non adatte ai deboli di cuore. Il nostro terzo cornerback al momento è Brian Dixon, un rookie (undrafted), ed è normale che sia in difficoltà ma abbiamo poche alternative. OH WAIT, abbiamo speso una pick al secondo giro per un cornerback, Stanley Jean-Baptiste. E FACCIAMOLO GIOCARE STO POVERETTO, TANTO PEGGIO DI COSI’ NON PUO’ ANDARE.

SPECIAL TEAMS

Shayne Graham 4

Non è possibile che ogni volta che tentiamo di calciare un field goal mi salga l’ansia. Una squadra con poche certezze come i Saints in questo momento non può avere un kicker così inaffidabile. QUALCUNO CHIAMI TAVECCHIO, PER DIO.

Thomas Morstead 5

Mi dispiace per lui: veder un leader di questa squadra rendersi ridicolo su un fake punt indecente e totalmente preventivato da Dallas fa male.

Travaris Cadet S.V.

Brandin Cooks 4

Tutta sta esplosività che lo caratterizzava ad Oregon State non si è ancora vista. Forse perchè corre all’indietro invece che in avanti. FORSE.

ALLENATORI

Sean Payton 4

Ho aperto una petizione online che si chiama “SEAN PAYTON MOLLA STO PLAYCALLING E PENSA A GESTIRE LA SQUADRA” , appena è pronta vi metto il link.

Rob Ryan 5

Per fortuna è stato defensive coordinator a Dallas per qualche anno e conosce bene Romo & co. Per fortuna, altrimenti segnavano 80 punti. Non si può neanche dargli troppe colpe comunque, se i giocatori eseguono male (eufemismo) gli schemi e non placcano Ryan può farci poco. Quando va in panic mode poi succede il disastro ma a quello siamo abituati, purtroppo.

Per seguire tutti gli aggiornamenti dei Saints in italiano collegati con Saints Italia su Facebook (facebook.com/SaintsItalia) e/o su Twitter (@SaintsItalia)!