NFL Week 6: Indianapolis Colts @ Houston Texans preview

Questo TNF promette di far dimenticare quanto visto nelle ultime due settimane, dove le gare hanno dato come uniche emozioni le urla disperate delle squadre massacrate. Indianapolis rende visita a Houston, confidando di vincere la quarta gara di fila e scrollarsi di dosso proprio i texani al comando della AFC South. Viceversa Houston vuole mettersi in fretta alle spalle la gara di Dallas, tornando a vincere soprattutto davanti al suo pubblico.

Dopo aver sfondato quota 100 yard su corsa per la terza volta in questa stagione con 157 e due touchdown nella sconfitta 20-17 contro i Cowboys all’OT, Arian Foster ha espresso disappunto per dover giocare per l’ennesima volta di giovedì, dove Houston si è esibita molte volte (terza come numero di presenze nel TNF), ai microfoni di ESPN ha detto:

“E ‘fastidioso per i giocatori, non ne conosco uno a cui piaccia. E sinceramente non conosco nemmeno un solo fan a cui piaccia. Penso che sia solo un modo che ha la lega per generare più entrate. Nessuno è pronto a giocare fisicamente dopo una partita di Domenica., Ma dobbiamo comunque scendere in campo e giocare”

Nonostante il suo malcelato odio per le gare di giovedì, Foster le ha sempre giocate bene, le statistiche sono fatte per essere modificate ma se sono di buon augurio, potrebbe essere la volta buona per invertire la tendenza e sbarazzarsi dei Colts per il comando della Division, cercando di continuare la tradizione molto vittoriosa delle squadre casalinghe nel TNF (4 su 5)

Sarà, per Houston, la prima gara divisionale della stagione, contro un avversario che nelle precedenti dodici stagioni ha lasciato ai Texans le briciole, 4 vittorie.
Alla ricerca della quarta vittoria consecutiva dopo un inizio balbettante, i Colts hanno avuto la meglio su Jacksonville, Tennessee e Baltimore ed hanno perso una gara rocambolesca contro Philadelphia. È pur vero che Jax ed i Titans non sono proprio due squadroni, ma da un turnover e un sack costretto nelle prime due gare, sono passati rispettivamente a 9 e 11 nell’ultimo tris di gare. Punto di forza in fase difensiva è proprio il run stopping, dove sono la dodicesima squadra della lega.

Le safety e gli OLB, che nelle settimane scorse hanno creato molti grattacapi ai Colts per le vicissitudini degli starter, questa settimana hanno risposto alla chiamata con alcune prestazioni davvero impressionanti.

Bjoern Werner ha avuto le prime quattro prestazioni piuttosto deludenti, se si esclude quella lievemente positiva contro la derelitta Jacksonville. Ma contro Baltimora ha sfoderato una gara scintillante che ha annoverato due sack, quattro hurry, e un passaggio abbattuto. Tre stop difensivi sono stati la seconda prestazione della squadra.
Sergio Brown è stato starter questa settimana dopo la sospensione di LaRon “tutta natura” Landry: pur avendo trovato un bel sack, il grosso del suo lavoro è stato in copertura dove su tre passaggi tentati nella sua zona, ne è andato a segno solo uno per un guadagno di una sola yarda. A questo ha aggiunto due corse stoppate.

In attacco, Luck guida la NFL con 1.617 yard di passaggio e 14 touchdown, ma guida anche la classifica degli intercetti con sei, ciò non suona bene quando si va a giocare contro una squadra ha ha una unità di pass rushing forse non eccellente ma che presenta uno come JJ Watt.

Luck e Reggie Wayne (sei touchdown, una media di 104,1 yards a partita nelle ultime sette gare di giovedì) guidano il primo attacco su passaggio della lega, che potrebbe però non funzionare più così efficientemente senza le guardie starter Jack Mewhort (caviglia, seconda gara saltata) e Hugh Thornton (schiena, infortunatosi domenica),
Andre Johnson ha messo assieme cinque ricezioni domenica, sebbene non abbia ancora registrato una gara da oltre 100 yard e non abbia ancora segnato TD, ha una media di 158,3 yard in 27 ricezioni e cinque TD nelle ultime tre gare casalinghe contro Indianapolis. Tuttavia Johnson guida un attacco su passaggio che non si può certo definire scoppiettante, 24ma in lega con 211 yard a gara, vedremo cosa succederà ad Andre Johnson, Ryan Fitzpatrick e compagnia, contro una difesa “average” contro i passaggi come quella di Indy.

Il Thursday Night è alle porte e tutti noi ci auguriamo che possa essere, finalmente, una gara degna dei riflettori che si accendono su di esso.