NFL Week #11: Chicago Bears @ Green Bay Packers preview

Ci risiamo, Green Bay contro Chicago, o meglio, contro quelli che sono venuti dopo i Decatur Staleys.

Inutile stia a parlarvi di cosa significa questa sfida per lo sport statunitense e cosa significhi per noi, che cerchiamo, tanto per cambiare, il bandolo di una matassa piuttosto ingarbugliata.

Ma se noi abbiamo coach Mike McCarthy, soprannominato affettuosamente “Bombolo,” di fresco rinnovato, loro hanno un Jay Cutler che è sempre una sicurezza, così come appaiono una sicurezza i disastri della nostra difesa su corsa e della loro su passaggio.

Sarà una gara a chi fa meno sciocchezze in fase difensiva, sarà una gara a chi patirà meno il fresco della verde baia, ed a chi riesce ad essere più rilassato per quella che, sicuramente, è l’ultima spiaggia, sia per Chicago, sprofondata ad un record orrendo (3-5) dopo essere stata una delle reginette della preseason, e Green Bay, che deve assolutamente rimanere in scia ai Lions, in attesa del loro immancabile suicidio sportivo, come accade ogni anno, e non vedo perchè debba essere diverso stavolta.

Nei Bears, spazzati via dai redivivi Patriots, l’unico big in dubbio sembra Martellus Bennett, e non sarebbe male se visto dal punto di vista di Green Bay. Chicago ha confermato Jay Cutler che, nello specifico è uno dei fattori dell’ultima striscia di 1-4: 12 dei 15 turnover della squadra quest’anno sono arrivati per mani sue, di cui ben undici nell’ultima cinquina di gare. Chicago ovviamente non può caricare tutte le colpe su Cutler, nelle ultime gare sta affondando anche nella difesa su passaggio come accennato sopra: 8,71 yard per ricezione la pongono tra le peggiori squadre della lega, a questo si aggiungerà l’assenza fino alla fine dell’anno della guardia titolare Matt Slauson.
I Bears inoltre non avranno il defensive end Lamarr Houston che si è infortunato ad un legamento del ginocchio ponendo fine alla sua stagione e continuando la maledizione delle esultanze idiote: Houston si infatti infortunato esultando dopo un “importantissimo” sack ai danni del backup quarterback di NE, Jimmy Garoppolo, nel trash time della gara di due settimane fa.

Sul lato dei padroni di casa, Josh Sitton rimane questionable, mentre dovrebbe recuperare sia Sam Shields che Aaron Rodgers, che hanno fatto regolarmente allenamento negli ultimi tre giorni. Rodgers deve smaltire l’infortunio contro i Saints dove ha lanciato il record di yard di stagione ma ha anche messo nelle mani degli avversari due intercetti, cosa assolutamente inusuale per un ragazzo come lui.
Più complicata, a livello di recupero dell’infortunio, la situazione di Lang che ha lavorato solo parzialmente venerdiin allenamento, dopo aver saltato le precedenti sedute, sarà vitale recuperarlo per completare lo schermo davanti al QB verdeoro.

Centrale, per i padroni di casa, la capacità di argonare il secondo miglior rusher della lega, Matt Forte, che quest’anno ha già messo assieme 562 yard e “rischia” di veder aumentare le suestatistiche contro una difesa che sembra una porta automatica quando si tratta di corse: 153,5 yard a gara sono i numeri medi di chi corre contro Green Bay. Tradotto: peggio che andare di notte.

Nessuna notizia su eventuali appendiciti, ulcere, broncopolmoniti o cistiti per Bombolo o per Dom Capers… Ma speriamo che qualche dio del football posi gli occhi sui Packers, anche perchè Chicago ha bene in mente come sono finite (benissimo) le ultime due gare contro l’avversaria di sempre.