NFL Week 12 Recap: Cleveland Browns 26 – Atlanta Falcons 24

Altra vittoria per i Browns che continuano imperterriti la loro corsa per il sogno post season, sconfiggendo negli ultimi secondi i Falcons.

OFFENSE:

Quaterback:

Se non fosse per come ha guidato la squadra nell’ultimo drive, Hoyer meriterebbe la gogna per come sta guidando la squadra nelle ultime partite. Al posto di controllare il gioco, cosa in cui è abilissimo, Hoyer punta sempre di più alla giocata pericolosa, che lo porta ad essere intercettato ben tre volte in questa partita e di completare solo 23 passaggi su 40 per 322 yards e nessun TD. Il vecchio Hoyer si è visto nell’ultimo drive, dove è riuscito con il suo solito sangue freddo a trovare i ricevitori liberi in grado di chiudere il down e di condurre i suoi alla vittoria. Con il ritorno di Gordon e il possibile rientro di Cameron Hoyer avrà disposizione due ulteriori armi per il gioco aereo e dovrebbe riuscire a mettere in campo delle prestazioni migliori. Inconstante

Ricevitori:
Con l’assenza di Cameron per concussion, il rientrante Gordon è stato l’obbiettivo più cercato da Hoyer con 6 catch per 120 yards. Il ragazzo deve ancora sincronizzarsi al meglio con Hoyer, infatti tutti gli intercetti erano passaggi nei suoi confronti, ma ha dimostrato grinta e tanta voglia di tornare a giocare al meglio, inoltre riesce pure ad evitare una perdita di diverse yards su una reverse finita male, lanciando il pallone direttamente fuori dal campo. Fondamentale è stato ancora il contributo dell’inossidabile Austin, capace di chiudere diversi down importanti e di portare con l’ultimo passaggio la sua squadra in una posizione comoda per il field goal finale. Buona la prova di Hawkins ( 5 passaggi per 93 yards) che si dimostra ancora un arma temibile, nonostante le sue non notevoli dimensioni. Buonissima la prestazione dei due TE, più fondamentali nel gioco di corse con i loro blocchi, che nel gioco aereo, infatti gli unici passaggi sono stati verso Barnigde per un totale di 23 yards.
Miglior ricevitore: Austin. Fondamentale come sempre nelle fasi cruciali del gioco. Vecchio leone
Peggior ricevitore: Gabriel. Solo una ricezione per lui, purtroppo con il rientro di Gordon la situazione non potrà che peggiorare. Rimpiazzato

Running back:
Crowell parte anche per questa partita come starter rb e non delude certo il coaching staff, segnando ben due TD, a quota 7 ora ed il rb rookie con più TD all’attivo, chiudendo la gara con una media di 7.3 yards a portata. Il ragazzo migliora partita dopo partita e non solo ha dimostrato enorme potenza, ma anche un’ottima visione di gioco e dei blocchi dei propri compagni. Nonostante West abbia due corse in più del suo compagno di squadra, riesce ad essere meno incisivo correndo per “solo” 62 yards con 14 corse con 0 TD e una media di 4.4 yards a portata

Miglior Running Back: Crowell. il ragazzo e questa partita è stato determinante spiazziando i difensori nemici con i suoi tagli. Pantera
Peggior Running Back: West. Non ha giocato male, anzi, però è stato completamente surclassato dal suo compagno di reparto, ma avrà la possibilità di rifarsi.

Linea offensiva: ottima prestazione della linea, che porta degli ottimi blocchi per le corse ed evitando ad Hoyer subisse troppe pressione e concedendo solo un sack alla linea difensiva degli avversari, su fumble di Hoyer ndr. Mcdonald continua a migliorare e Bitonio si dimostra di essere forse solo dietro a Martin dei Cowboys il miglior rookie come offensive line.
Miglior O-line: Bitonio. Il rookie domina completamente la linea di scrimmage. Lottatore.
Peggior O-line: Schwartz. troppo sconcentrato, prende un paio di penalità per poca concentrazione e non riesce a controllare perfettamente il suo avversario. Sconcentrato.

DEFENSE

Defensive Line: compensa bene le varie assenze per infortunio, Taylor e Huges,  bloccando bene le corse di Jackson e mettendo molto sotto pressione Ryan costringendolo a velocizzare le azioni.

Miglior D-line: Rubin, domina i centrali della o line dei falcons, costringendoli diverse volte al doppio blocco. Riesce pure a portare un sack a Ryan. Indomabile.
Peggior D-line: Wynn. Non riesce ad essere incisivo. Schiacciato

Linebacker:

L’assenza pesante di Dansby, viene supperita egregiamente da Robertson e Kirksley. Kruger mette in banca altri due sack e diversi placaggi. Sheard appena rientrato dall’infortunio non riesce a dare il 100% e infatti viene sostituito da Mingo che mette in campo la sua solita opaca prestazione. Buona la copertura sui passaggi corti e sulle corse esterse

Miglior Linebacker: Kruger. Non solo sack, ma porta anche un fumble a Ryan e ogni volta che è in pass rush fa tremare i tifosi di Atlanta. Terremoto
Peggior Linebacker: Sheard. Entra probabilmente prima del tempo per l’infortunio e non riesce a giocare come dovrebbre. Da riparare

Secondaria:

Contengono più che possible Jones e Withe, aiutati dal front seven che non concede grosse sgaloppate di Jackson e mette sotto pressione costantemente il qb avversario. Jones chiude con un TD e 68 yards e Withe 96. Haden piazza il secondo intercetto stagione e controlla perfettamente il suo avversario Jones mentre Withney rimane il solito fabbro e picchia chiunque s’inoltra nella sua zona. Tegola pesante nel finale di partita con Gipson che s’infortunia al ginocchio e dovrà rimanere fuori per la stagione. Da notare i diversi qb pression di Williams

Miglior defensive back: Haden. Sta tornando a giocare ai livelli a cui ci aveva abituato nelle stagioni passate. Highlander
Peggior defensive back; Skrine. Dalle sue parti i ricevitori galoppano e guadagnano yards. Calpestato.

 

Conclusione

Cleveland vince soffrendo, ma vince. Oramai sembra una costante che si debba soffrire contro le squadre in difficoltà e si riesca invece a convincere contro alcune delle squadre più forti della lega. Con il ritorno di Gordon si avrà una maggior possibilità di gioco offensivo e la possibilità di utilizzarlo in diversi trick play, come reverse et simili. Crowell domina una difesa debole e non convincente, ma dovrà dimostare tutta la sua potenza nelle prossime partite in cui affronterà delle difese migliori dei falcons. La difesa convince, ma non riesce a dominare un attacco che fino a qui ha avuto grandi difficoltà a segnare. Prossimo impegno contro i bills.