General Manager Per Un Giorno: Cleveland Browns Draft 2015

General Manager per un giorno è una rubrica ideata da Endzone, in cui gli Insider di ogni squadra si mettono nei panni del GM e provano a fare la chiamata al momento di dover scegliere il o i giocatori nel primo round. Ciò che vedrete in questi articoli, sono diversi scenari assolutamente verosimili, messi in ordine da quello ideale (che potremmo paragonare al piano A), a quelli sempre meno entusiasmanti (piano B e piano C). Ovviamente in questi scenari è l’insider a fare la scelta della pick, quindi il risultato varierà a seconda delle varie preferenze. C’è da aggiungere inoltre che le scelte stanno avvenendo prima della Free Agency, quindi potrebbero cambiare drasticamente nel caso tale need fosse riempito da un nuovo acquisto. Se siete d’accordo con noi, oppure se siete di un’altra opinione, fatecelo sapere nei commenti!

Parliamo dei Cleveland Browns. Immaginiamo per un istante che sia finito lo show dei combine, e che io sia a casa a meditare sui giocatori, quando mi squilla il telefono, rispondo, e una voce dallo spiccato accento Americano mi dice: “Hi Sean, I’m Halsan the Owner of the Cleveland Browns. Farmer is out for a year because of the textgate, will you help me with the draft?“. Con il sogno di una vita che si avvera, mi metto subito sotto per cercare le migliori scelte da coprire, e supponendo che la situazione QB si risolva con il ritorno di Manziel dalla Clinica o con un buon QB dalla Free Agency, posso concentrarmi con le altre priorità di Cleveland.

I principali Team Needs sono noti: NT, WR, Pass rusher,

– Primo Scenario, “L’Ideale”: AMARI COOPER (WR ALABAMA)  & BUD DUPREE ( DE kENTUCKY) 
Ora molti diranno, Cooper alla 12esiama. Sei impazzito?  Potrei esserlo, ma non lo ritengo impossibile seguendo un po’ di logica e le Need delle altre squadre. Tampa va su Winston, poi arriva la prima sorpresa della serata: Tenessee sceglie Williams e decide di puntare su Mettemberger come QB titolare, e Oakland sceglie White. I New York Jets invece decidono che è ora di cambiare QB e draftano Mariota e Minnesota ci fa un regalo scegliendo di draftare Scherff, lasciandoci così la possibilità di scegliere Amari Cooper. Amari CooperTutte le squadre fra le dodicesima e la diciannovesima scelta non hanno necessità di pass rush quindi non ci dovrebbero essere problemi a draftare Bud Dupree con il nostro 2o pick di giovedì sera. Cooper e Dupree sono le due migliori scelte che realisticamente ci possono arrivare. Cooper è un ricevitore pulito che sembra correre sui binari da tanto conosce bene le tracce, ha un primo passo velocissimo che gli permette di creare un po di separazione fra lui e il difensore e di guadagnare quel distacco che gli permette un guadagno maggiore dopo la presa dell’ovale. Non ha un fisico dominante, ma lotta su ogni pallone e ha una naturalezza nel catturare i palloni che ha dell’incredibile.
Bud DupreeDupree è un giocatore fisicamente eccezionale, ma ancora abbastanza grezzo con un ampio margine di miglioramento. Alla combine ha messo su dei numeri pazzeschi e diversi scouts hanno apprezzato il fatto che abbia la testa sulle spalle. Purtroppo dimostra ancora una certa lentezza nella lettura del gioco, il che lo porta ad essere in ritardo in diverse occasioni ed avere dei pessimi angoli di placcaggio. Dimostra inoltre una carenza imbarazzante di pass rush moves, che lo hanno costretto a dominare i suoi avversari solo sul piano fisico e non su quello di gioco. Cooper è un ricevitore già pronto a fare il salto di qualità, e andrebbe a riempire il buco lasciato da Gordon come primo ricevitore dei Browns per il QB ancora sconosciuto. Dupree invece non dimostra di avere ancora le carte in tavola per giocarsi il ruolo di starter, ma è comunque un giocatore con un potenziale di sviluppo tale, da poter diventare un futuro perno della difesa dei Browns.

– Secondo Scenario, “L’Alternativa”: VIC BEASLY (DE CLEMSON) & EDDIE GOLDMAN (DT FLORIDA STATE)
Se non dovessimo riuscire a prendere Cooper alla dodicesima le cose cambierebbero parecchio. Vista la probabilità pari a zero che un altro WR che valga la dodici spunti fuori, con i tre top ricevitori già scelti (Cooper ai Raiders, White ai Jets Parker a Minesota), questo potrebbe essere il secondo scenario migliore per Cleveland: un ottimo OLB (Vic Beasly) alla dodici, e un NT (Eddie Goldman) di un certo peso alla diciannove. Vic Beasley
Nonostante l’eccellente combine, difficilmente Beasly riuscirà a finire davanti ai suoi diretti rivali, Gregory, Ray e Fowler, quindi ci sono grandi possibilità che possa essere scelto senza alcuna difficoltà alla dodicesima assoluta. Usare una diciannovesima per un NT con le capacità di Goldman non sarebbe certo un crimine per i Browns. Beasly ha dimostrato di essere un atleta eccezionale, con una velocità e una potenza fisica assolutamente fuori dal comune. Inoltre possiede un ottimo istinto, che gli consente di chiudere i buchi, e di capire qual’è il metodo migliore per battare l’OT davanti a lui. Ottimo utilizzo delle mani coordinate ai movimenti delle gambe (anche se da perfezionare), e ottimo anche nei giochi di copertura. Purtroppo gli manca quella cattiveria agonistica che lo porta spesso a mantenere il blocco dell’avversario quando la situazione si trova in stallo: questa mancanza di cattiveria non solo non lo ha portato a raffinare e migliore i suoi movimenti di pass rush e ad utilizzare poco gli spin move devastanti, ma gli rende anche difficoltoso il liberarsi dai blocchi avversari sulle corse.
Eddie GoldmanGoldman è il NT che servirebbe a Cleveland per rafforzare la propria run defense. Possiede una forza devastante e ha un’ottima capacità nello spezzare i blocchi avversari per arrivare al portatore di palla avversario. E’ un giocatore molto aggressivo che costringe spesso gli avversari al doppio blocco o al dover subire la sua forza devastante. Ha tuttavia la tendenza ad alzarsi troppo quando attacca l’avversario, non ha l’abitudine ad aprire dei varchi per i blitz dei propri compagni, e non ha nessuna capacità di pass rush se escludiamo la bull rush.
Entrambi i due giocatori non partirebbero certo titolari, ma darebbero profondità a una front seven difensivo che spesso ha dovuto tenere il fiato per la mancanza di personale adeguato a sostituire gli starter infortunati o le probabili partenze in free agency.

Terzo Scenario, “La Sicurezza”:  BRANDON SCHERFF ( OL IOWA) & JAELEN STRONG (WR ARIZONA STATE)
L’ultimo scenario è quello che sinceramente mi piace meno dei tre, ma resta comunque parecchio attuabile. Cleveland potrebbe puntare a un doppio innesto offensivo: Brandon Scherff draftato alla dodicesima come terzo OL della serata, (preceduto da Flowers scelto dai Giants e Peat scelto dai Rams), e Jaelen Strong alla diciannove per non rischiare di non trovare un altro top WR a partire dal secondo giro.Brandon Scherff
Scherff è un OL con una forza devastante che gli permette di spostare gli avversari e di non venir spostato nelle bull rush dei difensori. Dimostra anche una discreta atleticità che gli permette di recuperare l’avversario nella pass protection, e di saper bloccare gli avversari al secondo livello. Purtroppo tende a muoversi troppo in anticipo aprendo così dei varchi ai pass rusher avversari, e non ha una costanza nel portare il bloccco, sostenendolo per poco tempo.
Jaelen StrongStrong è un ricevitore dotato di una buona combinazione fra altezza, peso e lunghezza delle braccia. Capacissimo sia di adattare le traccia in base agli ostacoli avversari, che di usare diverse finte per creare distanza fra lui e il CB avversario. Ottimo lottatore sulle palle contese e forse il miglior ricevitore per fisicità dopo la ricezione della palla. Nonostante questo è ancora abbastanza grezzo, tende a far rimbalzare la palla sul petto prima di assicurarla fra le mani e non conosce ancora perfettamente tutte le tracce (quest’ultimo difetto lo porta a troppe palle contese con avversari non temono la sua velocità sul profondo). Entrambi i giocatori possono partire come Starter dopo un’ottima dimostrazione nei camp e nella preseason. Scherff andrebbe a puntellare una linea già dominante (specialmente con il ritorno di Mack)andando a sostituire Schwartz come RT, mentre Strong invece approfitterebbe della sospensione di Gordon e della mancanza di ricevitori fisici nei Browns, per giocarsi un posto fra i ricevitori titolari.