Chicago Bears: addio a Lance Briggs.

E’ la fine di un’era?
Secondo fonti molto vicine al giocatore e alla squadra, Lance Briggs non farà ritorno nel roster dei Chicago Bears durante il 2015.
Scelto nel corso del Terzo giro del draft 2003, l’ex Arizona Wildcats ha passato tutte le sue 12 stagioni da pro a Chicago; selezionato per 7 volte consecutive al Pro Bowl, Briggs è stato uno dei perni di quella difesa tanto acclamata che ha caratterizzato la franchigia di Chicago per quasi un decennio.
A 34 anni però, l’outside linebacker #55 ha dimostrato di aver perso molte delle sue qualità a livello atletico e di essere sempre più in difficoltà nell’affrontare gli infortuni; per questo, pare che la dirigenza Pace-Fox abbia deciso di non ri firmare l’uomo che avrebbe dovuto ereditare il ruolo di Uomo-Bandiera lasciato sguarnito dal ritiro di Brian Urlacher.
Briggs, dal canto suo, ha sempre fatto sapere che gli sarebbe piaciuto finire la sua carriera proprio dove era cominciata, come è stato per il suo ex compagno di squadra; evidentemente però non c’è un punto d’incontro a livello contrattuale tra società e giocatore.
A lui quindi resta solo una scelta da fare: ritirarsi o approdare in Free Agency, dove potrà negoziare un nuovo contratto con un’altra franchigia, a patto che ci sia qualcuno disposto a dargli i soldi che chiede.

Nei giorni in cui sono messi in discussione i contratti di Jay Cutler, Brandon Marshall e Matt Forte, arriva anche la notizia della fine di un rapporto che durava da ben dodici stagioni; è un vero e proprio ciclone che sta investendo i Chicago Bears, o per lo più sono mosse atte a mantenere una certa tensione fra i giocatori e la franchigia? Vedremo.
Quello che è certo è che con la partenza di Lance Briggs, Chicago perde un’altra icona di quella che è stata la squadra negli ultimi 15 anni e di quella difesa che li ha caratterizzati fino a un paio di stagioni fa.