Miami Dolphins 2015 Free Agency – #3 Recap

La questione TE in casa Miami Dolphins è finalmente risolta e, dopo non pochi disguidi, Jordan Cameron è ufficialmente parte della squadra.

Che il team fosse alla ricerca di un piano B nell’eventualità in cui il contratto proposto a Charles Clay dai rivali Buffalo Bills fosse stato oltre le aspettative era sotto gli occhi di tutti gli insiders e non, ma che la situazione potesse essere tanto complessa nessuno se lo avrebbe mai immaginato.

I motivi della confusione sono stati da un lato la volontà dei Miami Dolphins di continuare le trattative con Charles Clay anche durante la visita di Jordan Cameron in città e dall’altro la notizia di Adam Schefter secondo cui c’è stata la firma di un contratto tra i Cleveland Browns ed il loro talento uscente. Poco dopo arriva la smentita e la correzione. I Miami Dolphins hanno offerto $15 MM per 2 anni al 2013 Pro-Bowler TE. La stessa cifra menzionata da Adam Schefter nel tweet incriminato.

E’ stata un manovra saggia da parte dello Staff, anche se la capacità di rimanere in salute per un’intera stagione rimane un punto cruciale: Jordan Cameron ha, infatti, una brutta storia di infortuni, in particolare ciò che salta agli occhi sono le tre concussioni cerebrali riportate in soli quattro anni di carriera. Sono tante. Ma non per lo Staff Medico dei Miami Dolphins che ha dato il proprio via libera. Nel 2013, unico anno in cui ha potuto esprimersi al meglio, ha collezionate 80 REC, 917 YDS E 7 TD.

L’altro contratto ufficializzato è quello di T.J. Heath, CB, membro della 2014 Practice Squad degli stessi Miami Dolphins.

 

Luca Contu e Mattia Cabianca