Michael Crabtree firma con gli Oakland Raiders

Dopo una Offseason passata a mettere sotto contratto tanti giocatori diversi, dei quali nessuno andava tuttavia a rafforzare quelle posizioni con urgente bisogno di aiuto (vedi WR, DE e RG), finalmente arriva la mossa che richiama l’attenzione dei media nuovamente sui Raiders: Michael Crabtree firma il suo contratto e vestirà per la prima volta nella sua carriera una maglia Nero e Argento.

La storia Crabtree inizia nel lontano 2009, quando i San Francisco 49ers lo selezionarono con il 10th Overall, dopo esser stato “eletto” dagli esperti come il miglior WR dell’NFL Draft. Nonostante i Raiders fossero bisognosi di un WR e fossero in possesso del 7th Overall, la leggenda vivente Al Davis decise di puntare su Darrius Heyward-Bay, molto acerbo e con delle mani tutt’altro che sicure, ma in grado di correre in 4.3 secondi le 40 yard. Crabtree, che si aspettava di esser preso proprio dai Raiders 3 pick più in alto, non partecipò a nessuna attività estiva dei 9ers poiché pretendeva uno stipendio da settimo overall (visto che “a detta sua” se lo meritava), e prolungò il suo Holdout fino ad Ottobre inoltrato, quando ormai la Regular Season era già iniziata da un pezzo.

Nonostante il grosso potenziale, le prestazioni del ricevitore da Texas Tech negli anni non sono state così eccellenti: solo nel 2012 riuscì a superare le 1000 yard (1105 in Regular Season, più 285 durante i Playoff), stagione nella quale raggiunse il suo record di TD segnandone 9 (più 3 sempre ai playoff), ma per il resto, non è mai riuscito ad elevarsi allo stato di potenziale giocatore da Pro Bowl come si andava dicendo prima del Draft. Uno dei motivi per il quale la carriera del #15 è sempre stata “limitata” sono stati gli infortuni: si ruppe il piede nel 2011 (venendo costretto a saltare tutta la Pre Season e il Season Opener) e si strappò il tendine d’Achille nel 2013 (infortunio che lo tenne fuori fino alla week 13).

Da un punto di vista contrattuale, il quadro è parecchio interessante. Parliamo di un “One Year Deal” da 3 milioni di dollari (uno dei motivi per cui Crabtree è stato a spasso fino a questo momento è stato perché andava a ricercarne oltre $4.5 milioni), con incentivi fino ad 1.8 milioni se dovesse superare le 1400 yard e arrivare al Pro Bowl.

PARERE PERSONALE: questo acquisto mi ha lasciato spiazzato per una giornata intera, e il motivo è che una parte di me ne è felice, mentre l’altra non lo è per nulla. Quello che farò adesso è andare a spiegarvi quali sono i Pro e i Contro (ovviamente “secondo me”) di questo acquisto.
– PRO: Come detto all’inizio, stiamo pur sempre parlando di un WR (grosso bisogno per i Silver&Black) e forse dell’unico attualmente nel roster con un vero potenziale da “#1 Receiver”. Questo acquisto diminuisce almeno di un pochetto, quella che è l’urgenza da parte dei Raiders di prendere un ricevitore al quarto overall, dando così un po’ più di liberta a Reggie McKenzie per potersi buttare sul Best Player Available. Quando è in salute, Crabtree è in grado di giocare ad un livello molto alto, e accopiandolo ad un Derek Carr maturo e con una maggior coscienza del PRO Football, si potrebbero vedere degli ottimi risultati sul campo istantaneamente.
– CONTRO: l’unico contro, che tuttavia non può essere ignorato, è che stiamo comunque parlando di “King Crab”, famoso nella lega per essere la classica “Prima Donna” del comparto ricevitori. Il rischio di trovarsi un “cancro” negli spogliatoi è davvero elevato, e se a questo aggiungiamo la possibilità di un ulteriore infortunio al tendine d’Achille (che come la rottura del crociato anteriore può ripresentarsi facilmente in individui che se lo sono già rotto in precedenza), allora stiamo parlando di una sconfitta in partenza.
C’è da dire che i soldi investiti e gli anni di contratto sono stati gestiti egregiamente da Big Reg, quindi in caso questo acquisto non dovesse dare i risultati sperati, ce ne si potrà liberare facilmente… ma se invece dovesse bissare le aspettative, allora il reparto attualmente più debole, potrebbe aver trovato un nuovo gioiellino.
VOTO: B+