week 2: St.Louis Rams @ Washington Redskins preview

I Rams non erano proprio gli avversari ideali per i Redskins, in questo momento. Oddio forse non lo sarebbero in qualsiasi momento, quest’anno. Washington si trova sulla sua strada una squadra esaltata dalla vittoria divisionale importantissima ottenuta contro Seattle, composta da una grande difesa nella L7, soprattutto nella linea a quattro ( Robert Quinn, Chris Long, Aaron Donald, Michael Brockers e Nick Fairley) della 4-3, che fa davvero paura, ed è considerata la migliore della Lega. In più la squadra della Capitale è decimata in attacco ed in difesa. I St. Louis Rams sono il team che ha gettato le basi delle sue fondamenta, su cui ora si regge, grazie alla trade di RG3. Già troppo è stato detto, gli Skins cercano di vincere in questo 2015 con Kirk Cousins, che sembra uno dei partenti- perdenti più in vista della NFL (2-8). La difesa ha la sua secondaria già decimata alla seconda di campionato, con il safety Duke Ihenacho che dovrà ricorrere ad un intervento chirurgico per riparare il polso sinistro fratturato e slogato, con il back della nickel Justin Rogers alle prese con una fastidiosa fascite plantare che ne limita il gioco e con il Cornerback Chris Culliver squalificato per un turno. Il team ha redatto il CB Will Blackmon, veterano per mettere, già dalla seconda una pezza alla situazione, in un ruolo da beckup di Rogers. A stemperare la situazione difficile c’è il rientro di Bashaud Breeland nel ruolo di corner . A peggiorare, invece, la situazione, sembra previsto l’esordio di Todd Gurley il RB dei Rams prima scelta, visto che le corse non sono state particolarmente state incisive contro Seattle. La squadra difensiva di Washington ha giocato bene il primo tempo e meno bene nel secondo, soprattutto contro il gioco a terra, nella partita contro Miami, ma questo è stata una costante anche l’anno scorso, in cui spesso la difesa finiva con la lingua a terra. Anche questo è un problema che meriterebbe un approfondimento. In più le squadre speciali, il cui rinforzo ha suscitato tanto interesse da parte del GM Scot McCloughan, al momento decisivo hanno preso la solita stecca. Lo schema run heavy studiato da Gruden, che è sembrato efficiente per buona parte della partita contro i Dolphins, Domenica è alla prova del nove, non supportato nemmeno dall’unica minaccia profonda de pass game, DeSean Jackson. Probabilmente molto lavoro l’assorbirà Pierre Garcon, che spesso incrocerà Janoris Jenkins. E’ probabile che il corner si limiterà a tamponare le corse del WR più che cercarne di limitarne le prese, perché il guadagno con la palla è l’unica vera minaccia del gioco per aria dei Redskins, in questa fase, ed anche perché il team di St.Louis sarà impegnato dalla copertura a Reed, viste le loro difficoltà storiche contro i TE. Sarà grande il lavoro della OL, che sembra finalmente meno porosa a destra, per tentare di far correre Morris sul livello della prima partita, (anche se è bene ricordare che la linea dei Rams ha tenuto Lynch a 73 yards) e per tentare di dare aria a Cousins sui tentativi di pass, fatalmente sul medio e corto. Molto delle possibilità di competere per i Redskins dipende dall’efficienza della sua pass-rush. Se la difesa dei Rams non concede scampo, la OL ha una serie di giovani conditi dall’inesperienza. Il punto debole potrebbe essere il LT Greg Robinson che dovrà fronteggiare Ryan Kerrigan, e che probabilmente avrà bisogno d’aiuto per essere efficiente. Nella prima Foles è stato sackato e colpito nove volte e dato che il QB si comporta benissimo quando non è sotto pressione, una delle chiavi, può essere questa, soprattutto per dare la massima protezione alla secondaria. Una particolare attenzione merita Tavon Austin, come ricevitore e, soprattutto, come returner visto cosa ha combinato Landry la scorsa partita. Anche qui è presumibile si assista ad una partita dal punteggio non altissimo, dove le difese tenteranno di farla da padrone, e dove due secondarie non particolarmente significative non vanno incontro a matchup contro WR d’elite. Una partita che dice Rems, ma che potrebbe prendere svolte impreviste se il reparto arretrato dei Redskins riesce a tenere a bada Foles.