Week 4: Saint Louis Rams @ Arizona Cardinals. Luci e ombre nella sconfitta.

Gli Arizona Cardinals sono entrati in week 4, imbattuti, con un attacco fenomenale e una difesa che sembrava insuperabile. Da loro canto i Rams sono stati abilissimi nel capitalizzare i turnovers creati dai Cardinals per il finale 24 – 22.

Vediamo insieme, giocatore per giocatore, i punti di buio e di luce e cosa ha determinato la sconfitta dei Cardinals.

David Johnson fumble sul kickoff, DJ è un rookie assolutamente esplosivo ed è sembrato voler mettere a segno un nuovo ritorno contro i Rams che è però terminato con il fumble, con la palla riportata in territorio Cardinals e con il successivo TD lanciato da Foles.

Mike Iupati, ritornato dall’infortunio, è sembrato un po’ arrugginito, dalla sua però dobbiamo dire che ha giocato contro un DL assolutamente aggressiva e di sicuro questo non l’ha aiutato.

Carson Palmer e i sack subiti. I Cardinals sono entrati in week 4 con il numero più basso di sack concessi (1) in NFL. Contro i Rams l’impressionante difesa dei Rams è riuscita a mettere a segno 4 sack con una discreta agilità-

Se questi sono stati i problemi della nostra squadra, possiamo almeno rallegrarci per le ottime prestazioni di Campbell e Golden, se il primo lo conosciamo come le nostre tasche, Golden si è distinto per una forza fisica assolutamente dominante e per la tantissima pressione portata sull’OL dei Rams. Con il tempo crescerà e arriveranno anche le giocate decisive

Il ritorno di Michael Floyd ai big play, Floyd ritornato alle grandi giocate, ha causato una PI che ha portato a un FG di Arizona. Ci aspettiamo il solito Floyd nelle week a seguire.

Justin Bethel come starter CB, nelle due ultime week Bethel ha giocato al top, è ancora molto giovane e aspettiamo ancora che ci dimostri tutto il suo potenziale.

I WR dei Cardinals, sanno come bloccare, Michael Floyd e Larry Fitzgerald  sono entrambi due tackle aggiunti sulla linea.

Chandler Catanzaro, se i Cardinals hanno sofferto in red zone, il nostro K ha messo 5 su 5 FG con il più lungo dalle 42. È stato confortante vedere che almeno lui non ha perso lo smalto dell’anno passato durante le 5 volte in cui è stato chiamato a far sentire la sua gamba.

CJ2K, Johnson continua sulla via del recupero di ciò che era, almeno in parte. Ha un incredibile visione e abilità di taglio durante la corsa. Sicuramente non tornerà quello di una volta, ma ci si sta avvicinando poco alla volta. CJ ha chiuso la partita con 16 portate per 83 yards, con una media di 5.2 yard per portata.

Attraverso questa piccola analisi, mi sono permesso di evidenziare più le luci che le ombre, nella speranza che si possa imparare dagli errori e fare tesoro di questa sconfitta che è stata, non inattesa, ma molto traumatica.

Bruce Arians, quale HC è chiamato a rimettere in sesto la squadra e a concentrarsi sulle sfide future.