Chiefs e Texans alla ricerca del posto nel Divisional

Il Trichecone Andy Reid è riuscito nell’impresa di portare KC due volte ai playoff in tre anni, e questo in Missouri non succedeva dalla prima metà degli anni ’90. Kansas City, dopo aver perso le ultime otto gare di playoff contro gente del calibro di Jim Kelly, Dan Marino, John Elway, Peyton Manning e Andrew Luck, quest’anno appaiono finalmente alla post season con un apparente vantaggio in tale posizione, schierando Alex Smith contro… suppongo Brian Hoyer se il coaching staff non darà indicazioni diverse. Smith ha guidato un attacco su passaggio che si è comunque classificato solo #30 in NFL, ma ha raggiunto i 20 TD contro soli 7 intercetti.

KCatHOU_offTuttavia la partita probabilmente sarà fatta dalle difese, che come mostrato nelle grafiche PFF in quanto a rendimento, sovrastano gli opposti attacchi. I Texans ad esclusione del linebacker Jadeveon Clowney, non hanno uomini in dubbio per la partita di oggi. Clowney a che fare con un infortunio al piede che lo ha tenuto fuori l’incontro di settimana scorsa contro i Jacksonville Jaguars.

KCatHOU_defCausa infortuni dei principali rusher delle due squadre, giocoforza l’attenzione sarà maggiormente puntata al gioco di passaggio. in particolare i matchup tra i ricevitori di Houston e la secondaria di KC: da una parte DeAndre Hopkins, Nate Washington e Cecil Shorts III, dall’altra le safety Eric Berry e Husain Abdullah, ed i cornerback Marcus Peters e Sean Smith; ma non dimentichiamoci il sempre temibile J.J. Watt alle prese con la linea dei Chiefs alla ricerca di Smith.

Difensivamente, riprendendo l’accento posto su Watt e la sua abilità nella caccia al quarterback, non si può sottacere che in questa gara avrà davanti Justin Houston. Il primo, secondo le stats di PFF, è stato il secondo miglior interior defender della lega dopo Aaron Donald di St. Louis, mentre il secondo è stato il secondo miglior edge defender della lega prima di essere vittima di un infortunio al ginocchio che gli ha fatto saltare l’ultimo mese di partite. E’ probabile che Houston sia in campo stasera, e  questo non farà che aumentare l’interesse per la gara.

Quest’anno le squadre si sono già sfidate in week #1 con una vittoria di Kansas City 27-20 che sembra lontana un’era geologica, considerando che il giocatore simbolo dell’attacco di KC, ovvero Jamaal Charles, è poi rimasto vittima del suo ginocchio come detto sopra, e questo infortunio che sulla carta doveva essere devastante per la franchigia del Missouri, si è invece trasformato in una opportunità di ridisegnare un attacco più articolato, che ha visto una importante partecipazione di un running committee formato da Charcandrick West e Spencer Ware che assieme hanno corso 1.037 yard per 10 TD.

Previsione: pur essendo cambiato tanto da quella prima gara di stagione, vedo Kansas City ancora favorita. L’infortunio di Charles ha come dato la consapevolezza al gruppo di saper giocare anche in maniera “altra” rispetto al pesante gioco di corsa espresso con il rusher di Port Arthur. La difesa potrebbe addirittura migliorare con il rientro di Houston, dopo aver concesso una media inferiore ai 12 punti per gara nelle ultime quattro uscite di stagione.