Categoria: Who’s who

Jim Marshall

Gli sports americani hanno una caratteristica comune: ogni azione è statisticabile. In un Paese dove i “polls’” sono tutto, è evidente che nella montagna di numeri in cui si può vivisezionare un incontro, si può trovare di tutto, ogni Lega professionistica americana e non ha la sua lista di bei records: uno dei più prestigiosi […]

Joe Montana

Devo ammettere che mi costa un po’ parlare di Joe Montana, perchè in quel Super Bowl che chiudeva la stagione 1984, con una prestazione maiuscola, battè i “miei” Dolphins. Quell’anno era l’unico in grado di battere Dan ‘The Man’, e così avvenne. Del resto però, chi come me ama questo sport non può che dire […]

Marcus Lemarr Allen

A parte lui, nessun altro è riuscito, in un Super Bowl, a realizzare un TD dopo una corsa di 74 yards. Quest’uomo si chiama Marcus Allen: ecco la sua storia.

Vince Lombardi (1913 – 1970)

“Il successo è come qualsiasi altra cosa di valore: ha un prezzo. Devi pagare quel prezzo per vincere, lo devi pagare per raggiungere il punto in cui il successo diventa possibile. Ma soprattutto devi pagare quel prezzo per rimanere poi uno di successo” (Vince Lombardi).

Fran Tarkenton

Correva come se giocasse una partita di basket, leggeva le difese avversarie in 5 – 6 secondi ma mai più a lungo, ogni copertura saltava, lui combatteva sempre per la sua vita. La maglia di Tark Fuori dal campo di gioco, era un boy scout figlio di un ministro metodista, sul campo aveva il numero […]

Eric Dimitric Dickerson

C’è un record nella NFL che ancora resiste: solo un uomo è stato capace di correre per 2.105 yards in una stagione regolare. Quest’uomo si chiama Eric Dickerson: ecco la sua storia.

Christian Adolph “Sonny” Jurgensen

Negli anni in cui il gioco subiva profonde modifiche tra le figure di spicco troviamo Sonny Jurgensen, non solo grande QB, ma anche persona carismatica. Un vero leader in campo e fuori.

Vincent Edward “Bo” Jackson

Questa che vi presento è, in sintesi, la sua storia. La storia di un uomo il cui sogno era di diventare un giocatore della MLB e che entrò nella College Football Hall of Fame pur considerando il giocare con la palla ovale un “hobby”, come lui stesso ebbe modo di dire. “Quando la gente mi […]